domenica, 18 novembre 2018

Mef condannato per irragionevole durata del processo

Avv. Maurizio Danza - Arbitro regionale pubblico impiego

 

Di particolare interesse il decreto n.625/2016 depositato in data 14 aprile 2016, emesso dalla sez. III Civile-Volontaria giurisdizione della Corte di Appello di Perugia presieduta dal Dott. Silvio Magrini Alunno che ha condannato il Ministero dell’Economia e delle Finanze alla corresponsione del danno non patrimoniale, quale conseguenza della durata irragionevole del processo. Nel caso di specie i ricorrenti, difesi dall’Avv. Maurizio Danza del Foro di Roma avevano chiesto la condanna al risarcimento del danno, sulla base dell’art.2 L.n.24 marzo 2001 n.89 ( c.d. legge Pinto), per violazione del giusto processo mai concluso innanzi al TAR del Lazio-Roma per “la condanna al riconoscimento e corresponsione della indennità di pubblica sicurezza in favore dei dipendenti civili del convenuto Ministero degli Interni”, i ricorrenti lamentavano “la sussistenza della violazione del termine ragionevole previsto dall’art.3 della L.n.89/2001”, non avendo la Sezione del Tar Lazio competente  adottato alcun provvedimento ,né di tipo collegiale nè monocratico in riferimento al ricorso incardinato presso il Tribunale Amministrativo del Lazio- Roma. Nel caso di specie, i giudici della Corte di Appello hanno ritenuto che “dalla documentazione assunta e dagli atti acquisiti della parte si evince che il ricorso dinnanzi al TAR del Lazio risultava depositato in data 29/2/2000; il TAR emetteva decreto di perenzione in data 6/7/2012, e che dunque il giudizio, così come sopra evidenziato ha avuto una durata di anni 12 e mesi 5,a fronte di una durata ragionevole di anni 3 anni, superando di  7 anni  tale termine ragionevole. Per tali motivi la Corte, nel condannare a risarcire il danno non patrimoniale il Ministero dell’Economia e delle Finanze per la somma di euro 3500,00 oltre al rimborso delle spese legali, a favore di ciascuno dei ricorrenti, ha aderito all’orientamento recente della sentenza n.2261/2016 Suprema Corte di Cassazione , secondo cui il criterio di liquidazione del danno deve essere pari ad euro 500 per ciascun anno di ritardo, tenendo conto anche della intervenuta perenzione del giudizio amministrativo.

Invia per email

LaPrevidenza.it, 25/04/2016