La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 13/12/2017 23:15:03
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Assistenza RSS Assistenza
Contestazioni disciplinari RSS Contestazioni disciplinari
Contributi RSS Contributi
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Dimissioni RSS Dimissioni
Divorzio RSS Divorzio
Equa riparazione RSS Equa riparazione
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Fisco e Tributi RSS Fisco e Tributi
Fondo di solidarietÓ RSS Fondo di solidarietÓ
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Infortunistica RSS Infortunistica
Lavoratori precoci RSS Lavoratori precoci
Lavoro RSS Lavoro
Malattia RSS Malattia
Maternita' RSS Maternita'
Migranti e immigrazione RSS Migranti e immigrazione
Professioni RSS Professioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
ResponsabilitÓ Professionale RSS ResponsabilitÓ Professionale
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
Scuola RSS Scuola
Unioni Civili RSS Unioni Civili
Vaccini RSS Vaccini
FOCUS
In gazzetta la legge di modifica del codice penale, del codice di procedura penale e dell'ordinamento penitenziario
Sulla conoscenza. I fattori epistemici
Semplificazione in materia di documento unico di regolarita' contributiva DURC. Modifica del decreto 30 gennaio 2015
Riconosciuta la qualifica di dirigente al lavoratore che svolge mansioni di tale responsabilitÓ pur non essendo contrattualmente inquadrato in tale ruolo
Nuovo reddito di attivazione: la nuova prestazione di sostegno al reddito introdotta dalla Provincia Autonoma di Trento
La quantificazione economica del TFS/TFR del personale della Croce Rossa Italiano transitato nella P.A. resta a carico dell'Ente di provenienza
Criteri per la determinazione del credito d'imposta previsto dalla legge 23 dicembre 2014, n. 190 a favore degli enti di previdenza obbligatoria e delle forme di previdenza complementare
Il licenziamento non Ŕ snaturato dall'attribuzione di una somma quale all'incentivo all'esodo per fine fase lavorativa
Esodo lavoratori: schema della fijussione e contribuzione correlata
Bonus giovani: pubblicato in gazzetta il regolamento per l'utilizzo della carta elettronica
Ulteriori chiarimenti in tema di regolarizzazione delle dichiarazioni con errori o presentate in ritardo. Ravvedimento operoso
Avvocati: condizioni e massimali minimi delle polizze assicurative per responsabilitÓ civile e infortuni derivanti dall'esercizio della professione
Le generiche indicazioni non esauriscono il dovere del datore di lavoro circa l'obbligo di informare il lavoratore sul rischio specifico
Articoli 3 e seguenti del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 128, (c.d. Decreto Certezza del Diritto). Chiarimenti su quesiti e dubbi applicativi inerenti il regime di adempimento collaborativo
Sul nuovo T.U. in materia di societÓ a partecipazione pubblica
Pubblicato il decreto in tema di mandato di arresto europeo e facoltÓ di avvalersi del difensore civico
Spese mediche e di assistenza per i portatori di handicap. I chiarimenti dell'Agenzia Entrate
Lecito impiegare investigatori per smascherare la finta malattia del dipendente
Esclusa la responsabilitÓ professionale se il decesso Ŕ avvenuto per concause preponderanti e diverse rispetto all'accertata imprudenza del medico
Le prestazioni del fondo di solidarietÓ per il sostegno del reddito ai lavoratori della aziende di trasporto pubblico
Soggetti affetti da mesotelioma non professionale. Estensione dei benefici del fondo. La circolare Inail e i moduli di domanda
Beni ai soci: disciplina dell'assegnazione e della cessione nella trasformazione societaria
La mancata adozione di norme di sicurezza che determinano l'insorgere una M.P. non determinano la completa responsabilitÓ pecuniaria del datore di lavoro che versa solo il danno differenziale
Home Agenzia Entrate Assistenza Contributi Danno Biologico Dimissioni Divorzio Famiglia e minori Fisco e Tributi Giurisprudenza Handicap Infortunistica Lavoro Malattia Maternita' Professioni Pubblico Impiego Risarcimento del danno Scuola Vaccini

Lavoro

Giornalisti, per la qualifica di redattore ordinario è necessaria l'iscrizione all'albo dei professionisti
(Cassazione civile sez. lavoro, sentenza 21.4.2017 n. 10158)

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO



Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. NOBILE Vittorio - Presidente - Dott. BRONZINI Giuseppe - Consigliere - Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo - rel. Consigliere - Dott. DE GREGORIO Federico - Consigliere - Dott. ESPOSITO Lucia - Consigliere - ha pronunciato la seguente:  SENTENZA sul ricorso 2133-2015 proposto da:  D.S. EDITORE S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ENNIO QUIRINO VISCONTI 20, presso lo studio dell'avvocato MARIO ANTONINI, rappresentata e difesa dall'avvocato FRANCESCO ANDRONICO, giusta delega in atti; - ricorrente - contro  L.R.G., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA RIMINI 14, presso lo studio dell'avvocato NICOLETTA CARUSO, rappresentato e difeso dall'avvocato GAETANO SORBELLO, giusta delega in atti; - controricorrente - avverso la sentenza n. 1063/2014 della CORTE D'APPELLO di MESSINA, depositata il 15/09/2014 R.G.N. 591/10; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 22/12/2016 dal Consigliere Dott. PAOLO NEGRI DELLA TORRE; udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. MATERA Marcello, che ha concluso per il rigetto del ricorso.


Fatto


Con sentenza n. 1063/2014. depositata il 15/9/2014, la Corte di appello di Messina, in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Messina, condannava la D.S. Editore S.p.A. al pagamento, in favore di L.R.G., della minor somma di Euro 172.497,11 oltre accessori, a titolo di differenze retributive, ritenuti estinti per intervenuta prescrizione i crediti maturati in epoca anteriore al 14/1/2000; confermava, invece, la sentenza di primo grado nella parte in cui aveva accertato l'espletamento, da parte del ricorrente, già operante per il quotidiano "La Sicilia" in regime di collaborazione coordinata e continuativa, di mansioni di redattore.


La Corte di appello, in particolare, osservava, a sostegno della propria decisione, che erano presenti nella specie gli indici cui la giurisprudenza riconnette la subordinazione nell'attività giornalistica, avuto riguardo alle testimonianze assunte; richiamato, quindi, l'indirizzo, per il quale il lavoro giornalistico prestato in carenza di iscrizione, pur nella nullità del rapporto, dà diritto ad una retribuzione adeguata ai parametri di cui all'art. 36 Cost., applicava il trattamento spettante alla figura di redattore ordinario, compresa l'indennità redazionale in quanto connessa con le mansioni proprie di tale figura.


Ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza la società con due motivi, assistiti da memoria; il L.R. ha resistito con controricorso.


Diritto


Con il primo motivo, deducendo la violazione degli artt. 2094 e 2697 c.c., nonchè dell'art. 116 c.p.c., la ricorrente censura la sentenza impugnata per avere ritenuto la sussistenza della subordinazione, senza peraltro che la prova dei relativi requisiti fosse stata fornita dal lavoratore.


Con il secondo motivo, deducendo la violazione dell'art. 36 Cost. e degli artt. 2099 e 2126 c.c., la ricorrente si duole che la Corte di appello, anzichè procedere ad un adeguamento dei compensi percepiti, ne abbia disposto la completa equiparazione alla retribuzione prevista dal CCNL Giornalisti per la figura del redattore ordinario, ivi compresa anche l'indennità redazionale.


Il primo motivo è inammissibile.


Al riguardo, si richiama il principio di diritto, secondo cui la qualificazione giuridica del rapporto di lavoro effettuata dal giudice di merito è censurabile in sede di legittimità soltanto limitatamente alla scelta dei parametri normativi di individuazione della natura subordinata o autonoma del rapporto, mentre l'accertamento degli elementi, che rivelano l'effettiva presenza del parametro stesso nel caso concreto attraverso la valutazione delle risultanze processuali e che sono idonei a ricondurre le prestazioni ad uno dei modelli, costituisce apprezzamento di fatto che, se immune da vizi giuridici e adeguatamente motivato, resta insindacabile in cassazione (Cass. 14160/2014; conforme, fra le altre, Cass. n. 16681/2007).


Nella specie, la ricorrente ha, invece, di fatto proposto, al di là della formulazione della rubrica, una diversa lettura del materiale probatorio, senza formulare alcuna censura nei confronti dei criteri di qualificazione del rapporto fatti propri dal giudice di merito, il quale, d'altra parte, si è attenuto a consolidati orientamenti di legittimità in tema di lavoro giornalistico (cfr. Cass. n. 5693/1998 e successive conformi) e di presupposti per il riconoscimento della figura di redattore (cfr. Cass. n. 3272/1998 e successive conformi), richiamando altresì, e del tutto correttamente, oltre alla continuità della prestazione lavorativa, gli indici specifici del pieno inserimento nell'attività redazionale, dell'utilizzazione secondo specifiche esigenze della società editrice, della disponibilità di strumenti di lavoro dalla stessa forniti, della cura di particolari settori di informazione e di rubriche fisse, dell'assoggettamento al potere di decisione e al controllo del capo servizio.


Il secondo motivo è infondato.


Come più volte precisato da questa Corte, "per l'esercizio dell'attività giornalistica di redattore ordinario è necessaria la iscrizione nell'albo dei giornalisti professionisti. Ne consegue che il contratto giornalistico concluso con un redattore non iscritto nell'albo dei giornalisti professionisti, è nullo non già per illiceità della causa o dell'oggetto, ma per violazione di norme imperative, con la conseguenza che, per il periodo in cui il rapporto ha avuto esecuzione, detta nullità non produce effetti ex art. 2126 c.c. e il lavoratore ha diritto, ai sensi dell'art. 36 Cost., alla giusta retribuzione, la cui determinazione spetta al giudice di merito" (Cass. n. 23638/2010; conforme, fra le altre, Cass. 4941/2004).


Nella specie, la Corte territoriale, nel confermare la decisione del giudice di primo grado, ha considerato che il pieno svolgimento, da parte del L.R., delle mansioni di redattore ordinario giustificasse, ai sensi dell'art. 36 Cost., l'adozione di un parametro remunerativo in tutto corrispondente alle previsioni per tale figura del CCNL Giornalisti, compiendo, pertanto, anche in relazione alla cosiddetta "indennità redazionale", ritenuta "intrinsecamente connessa" con le suddette mansioni, un adeguato, e comunque non impugnato, accertamento di fatto. Il ricorso deve conclusivamente essere respinto.


Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.


P.Q.M.


la Corte rigetta il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in Euro 100,00 per esborsi e in Euro 6.000,00 per compenso professionale, oltre rimborso spese generali al 15% e accessori di legge.


Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.


Così deciso in Roma, il 22 dicembre 2016.


Depositato in Cancelleria il 21 aprile 2017

LaPrevidenza.it, 07/12/2017

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedý, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter