mercoledý, 18 luglio 2018

Il ricorso in opposizione della lavoratrice licenziata entro il primo anno di età del bambino - art. 54 D.Lgs. 151/2001 - non necessita di motivazioni aggiuntive

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 10.6.2016 n. 11975

 

La lavoratrice licenziata entro il primo anno di età del bambino (D.Lgs. 151/2001, art. 54) che ricorre in opposizione all'estremo provvedimento irrogato dal datore di lavoro non ha l'obbligo di aggiungere ulteriori motivazioni al ricorso medesimo in quanto spetta al datore di lavoro dimostrare la legittimità del recesso dal rapporto contrattuale in essere.


…. Omissis ….

 

La Corte d'appello di Lecce ha confermato la sentenza del Tribunale di Brindisi con cui era stata dichiarata la nullità del licenziamento di P.S. comminato dalla soc xxx 85 in violazione del divieto di licenziamento fino al compimento del primo anno di età del bambino. 

La Corte ha rilevato che la società nel costituirsi aveva eccepito che la domanda della lavoratrice non poteva trovare accoglimento in quanto basata sulla violazione dell'art. 54, comma 2, lett. C) (ultimazione della lavorazione per la quale la lavoratrice era stata assunta);  che invece il licenziamento era stato comminato ai sensi dell'art. 54 citato lett. B) per cessazione del ramo d'azienda e che la lavoratrice aveva introdotto alla prima udienza la domanda nuova di declaratoria del licenziamento ai sensi dell'art. 54 cit., lett. B). 


Secondo la Corte l'eccezione di novità della domanda era infondata. 


Ha affermato, infatti, che il licenziamento era stato impugnato per violazione delle norme che vietano di disporre il licenziamento fino al compimento di un anno del bambino al di là delle motivazioni adottate; che del resto la domanda della lavoratrice non poteva avere a fondamento la violazione del citato art. 54, lett. C) in quanto tale disposizione prevedeva una deroga al divieto di licenziamento che avrebbe dovuto essere fatta valere dal datore di lavoro su cui gravava l'onere di allegare e dimostrarne la fondatezza con la conseguenza che non poteva ritenersi contenuta nella domanda della lavoratrice. 

Avverso la sentenza ricorre la società con un motivo ulteriormente illustrato con memoria ex art. 378 c.p.c.. Resiste la lavoratrice. 


Diritto 

 

La ricorrente, con un unico motivo, denuncia violazione degli artt. 112 e 414 c.p.c.. 

Osserva che vi era stato da parte della lavoratrice un vero e proprio mutamento della domanda e non soltanto una semplice "emendatio libelli" e che la Corte d'appello era pervenuta alla erronea conclusione che la declaratoria di nullità del licenziamento per violazione dell'art. 54, lett. c), formulata originariamente dalla lavoratrice,contenesse in sè quella di declaratoria di nullità del licenziamento per violazione del D.Lgs. n. 151 del 2001, art. 54, lett. B), successivamente richiamata dalla lavoratrice ed accolta dalla Corte. 


Il motivo è infondato non essendo ravvisabile la violazione delle disposizioni citate. 


Pur dovendosi rilevare che è sostanzialmente corretto quanto affermato dalla società ricorrente secondo cui la legittimità o meno di un licenziamento deve essere valutata sulla base dei motivi indicati dal lavoratore con l'impugnativa del licenziamento stesso, tale principio non risulta violato dalla Corte territoriale che ha sottolineato come nella specie il motivo di nullità denunciato dalla lavoratrice, e per il quale essa aveva chiesto l'accertamento dell'illegittimità del licenziamento, era l'avvenuto licenziamento in violazione del divieto di cui al D.Lgs. n. 151 del 2001, art. 54 secondo cui "le lavoratrici non possono essere licenziate dall'inizio del periodo di gravidanza fino al termine dei periodi di interdizione dal lavoro previsti dal Capo 3, nonchè fino al compimento di un anno di età del bambino". La Corte territoriale ha esposto, infatti, che la P. con il ricorso aveva denunciato che il figlio era nato il (OMISSIS) e che era stata licenziata l'8/3/2010. 


La Corte territoriale ha interpretato la domanda della lavoratrice come volta ad affermare l'illegittimità del licenziamento a prescindere dal richiamo all'art. 54, lett. c) in quanto tale disposizione, prevedendo l'ammissibilità del licenziamento per cessazione dell'opera alla quale la lavoratrice madre è addetta, costituiva un'eccezione alla regola generale del divieto di licenziamento la cui sussistenza era onere del datore di lavoro allegare e provare con la conseguenza che non poteva ritenersi contenuta nella domanda attorea. 

Costituisce principio affermato da questa Corte che l'interpretazione della domanda giudiziale è operazione riservata al giudice del merito, il cui giudizio, risolvendosi in un accertamento di fatto, non è censurabile in sede di legittimità quando sia motivato in maniera congrua e adeguata, avendo pertanto riguardo all'intero contesto dell'atto, senza che ne risulti alterato il senso letterale e tenendo conto della sua formulazione testuale nonchè del contenuto sostanziale, in relazione alle finalità che la parte intende perseguire (cfr. Cass. 9011/2015). 

Secondo la Corte la lavoratrice denunciando la violazione dell'art. 54 citato nessuna ulteriore motivazione doveva fornire dell'illegittimità del licenziamento ed ottenere una sentenza ad essa favorevole spettando invece al datore di lavoro provare la sussistenza di una delle ipotesi previste dall'art. 54 citato che consentivano il licenziamento. Come correttamente affermato dalla Corte il richiamo alla lett c) contenuto nel ricorso iniziale della P. era del tutto ininfluente e l'esame della sussistenza delle condizioni di cui alla lett. b) dell'art. 54 citato idonee a giustificare il licenziamento non aveva comportato una modifica della causa petendi della domanda della lavoratrice che era rimasta immutata e da ravvisarsi nell'avvenuto licenziamento in violazione dell'art. 54. 


La difesa del datore di lavoro fin dal primo grado era volta, infatti, proprio a dimostrare la legittimità del licenziamento in quanto sussisteva l'ipotesi della lett. b) dell'art. 54 citato di esternalizzazione del servizio di contabilità e dunque di cessione del ramo. Lo stesso datore di lavoro ha dunque introdotto in giudizio tale tema di indagine con la conseguenza che correttamente i giudici di merito hanno esaminato la fondatezza della domanda della lavoratrice sotto tale profilo. 

Poichè non ha formato oggetto di censure l'esclusione dell'ipotesi della cessione del ramo d'azienda idoneo a giustificare il licenziamento, il ricorso deve essere rigettato. 

Le spese di causa seguono la soccombenza. 

Avuto riguardo all'esito del giudizio ed alla data di proposizione del ricorso sussistono i presupposti di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater. 


P.Q.M. 


Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente a pagare le spese processuali liquidate in Euro 100,00 per esborsi ed Euro 3.500,00 per compensi professionali, oltre 15% per spese generali ed accessori di legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma del comma 1 bis, dello stesso art. 13. 


Così deciso in Roma, il 17 marzo 2016. 


Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2016

Invia per email

LaPrevidenza.it, 16/06/2016

ALESSIA BARZELLATO
mini sito

Via Rocca Sinibalda N.10, 00199, Roma (RM)

Telefono:

0689526031

Cellulare:

3478351141

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

diritto del lavoro, diritto di famiglia e dei minori Mediatore professionista presso l'Organismo di Mediazione Fore...

ELEONORA BUFFA
mini sito

Via Caldana,4, 15010, Visone (AL)

Telefono:

0144/395673

Cellulare:

347/8290377

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Appalti pubblici, diritto amministrativo