mercoledì, 28 febbraio 2024

Privilegiata: presunzione di causalità juris tantum richiede maggiori motivazioni

Corte dei Conti, Seconda Sez. Centrale, Sentenza 1 settembre 2004 n° 284

 

"Si rileva in proposito che la sentenza appare viziata da motivazione apparente in quanto il giudice, pur avendo indicato da quali fonti ha tratto il proprio convincimento, che rimane insindacabile in questa sede, ha omesso di illustrare, con una approfondita disamina logica e giuridica, le ragioni di tale adesione. Certamente il giudice non è obbligato ad accogliere la richiesta della perizia d'ufficio, pretesa dall'interessato ed il cui rigetto costituisce uno dei motivi dell'appello, che, pertanto, sotto tale aspetto, non può essere accolto. Tuttavia, egli, a causa della sua posizione di terzietà, è, comunque, obbligato, non solo ad indicare gli elementi dai quali ha tratto il proprio convincimento, ma, anche, ad illustrare, nella motivazione, le ragioni per le quali i medesimi lo hanno indotto a giungere alla decisione assunta."
Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 29/10/2004

GIANNANTONIO BARBIERI
mini sito

Via De' Griffoni 15, 40123, Bologna (BO)

Telefono:

051220914

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto sanitario, Responsabilità medica e sanitaria. Diritto previdenziale

AVVOCATO ANGELICA IANNONE
mini sito

Via Sardegna N. 13, 47923, Rimini (RN)

Telefono:

0541774893

Cellulare:

3472689141

Servizi:

Diritto civile Diritto di famiglia - Separazioni/Divorzi e tutela minori Diritto penale e penitenziario