mercoledì, 17 aprile 2024

Reddito di ultima istanza per lavoratori dipendenti e autonomi ai sensi dell'art. 44 del decreto legge 17.302020 n. 18

Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Mef, Decreto interministeriale 28.3.2020

 

Con decreto a firma congiunta del Ministro del lavoro e del Ministro dell'Economia e delle finanze del 28.3.2020 viene data parziale attuazione alle disposizioni contenute nell'art. 44 del decreto 17.3.2020 n. 18 in materia di "istituzione del Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19".

L'articolato prevede, all'articolo 1 la corresponsione di una indennità per i "lavoratori autonomi e professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria a valere sul Fondo per il reddito di ultima istanza".

L'articolo 44 del decreto 18/2020 mutuava la corresponsione del beneficio alle condizioni di cessazione, riduzione o sospensione delle attività professionali.

I ministri firmatari del provvedimento hanno individuato le condizioni di accesso al beneficio in esame suddividendole in limitazione e cessazione, riduzione e sospensione delle attività indicando i diversi criteri necessari per conseguirne il diritto.


TIPOLOGIA REQUISITO
Limitazione dell'attività Reddito nell'anno di imposta 2018 non superiore a 35.000 euro al lordo dei canoni di locazione
Cessazione, riduzione o sospensione dell'attività autonoma o libero-professionale Reddito nell'anno di imposta 2018 compreso tra 35.000 euro e 50.000 al lordo dei canoni di locazione


L'indennità, così come previsto per le altre misure economiche in favore dei lavoratori non è cumulabile con i benefici di cui agli articoli 19, 20, 21, 22, 27, 28, 29, 30, 38 e 96 né con il reddito di cittadinanza di cui al decreto-legge 28.1.2019 n. 4, convertito con modificazioni, dalla legge 28.3.2019 n. 26. L'indennità non concorre alla formazione del reddito di cui al D.p.r. 22.12.1986 n. 917.

Per cessazione dell'attività deve intendersi la chiusura della partita IVA nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020.

Per riduzione o sospensione dell'attività lavorativa deve intendersi la comprovata riduzione di almeno il 33% del reddito del primo trimestre 2020, rispetto al reddito del primo trimestre 2019 tramite individuazione per cassa quale differenza tra i ricavi e i compensi percepiti e le spese sostenute per l'esercizio dell'attività.

Le modalità di presentazione della domanda prevedono che il professionista o lavoratore autonomo, a partire dal 1° aprile 2020 dovrà indirizzare l'istanza agli enti di previdenza di specifica competenza (a cui sono iscritti obbligatoriamente). Nel caso in cui il richiedente sia obbligatoriamente iscritto a due o più casse previdenziali potrà effettuare la domanda ad una sola forma previdenziale obbligatoria dichiarando, mediante autocertificazione ai sensi del DPR 28.12.2000 n° 445:

a) Di essere lavoratore autonomo/libero professionista, non titolare di pensione; 

b) Di non essere già percettore delle indennità previste dagli articoli 19, 20, 21, 22, 27, 28, 29, 30, 38 e  96 del decreto-legge 17.3.2020 n. 18 né del reddito di cittadinanza di cui al decreto-legge 28.1.2019  n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28.3.2019 n. 26;

c) Di non avere presentato per il medesimo fine istanza ad altra forma di previdenza obbligatoria;

d) Di aver percepito nell'anno di imposta 2018 un reddito non superiore agli importi di cui all'art. 1,  comma 2, lettere a) e b);

e) Di avere chiuso la partita IVA, nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020 ovvero  di aver subito una riduzione di almeno il 33 per cento del reddito relativo al primo trimestre 2020  rispetto al reddito del primo trimestre 2019, ovvero per i titolari di redditi inferiori a 35.000 euro, di  essere nelle condizioni di cui all'articolo 1, comma 2, lettera a).

L'istanza va corredata, oltre che dalla copia fotostatica del documento d'identità in corso di validità e del codice fiscale anche del codice Iban con le coordinate bancarie o postali per l'accreditamento dell'importo di cui al beneficio di legge.

Gli enti di previdenza interessati erogheranno il beneficio richiesto seguendo l'ordine cronologico di presentazione delle domande. Le stesse verranno accolte in ragione dell'esito del procedimento di verifica circa l'esistenza dei requisiti per l'ammissione al beneficio (cfr. indicazioni di cui al comma 1 e all'art. 4)

Le domande prive di indicazioni di cui ai commi 3 e 4 del decreto interministeriale saranno considerate inammissibili così come quelle presentate dopo il 30 aprile 2020.

Le domande, come ricordato nel testo del decreto qui commentato (cfr. con art.4) saranno monitorate al fine di controllare la congruità con le risorse disponibili ammesse a budget per lo specifico capitolo di spesa e, laddove si verifichino scostamenti oltre i imiti di spesa previsti il Ministero del lavoro provvederà ad informare gli enti per i necessari adempimenti.

All'articolo 3, c. 7 del decreto interministeriale si stabilisce l'obbligo di inviare all'INPS e Agenzia Entrate gli elenchi dei soggetti che hanno beneficiato della indennità al fine di porre essere tutte quelle attività ispettive finalizzate alla verifica dei requisiti previsti per i benefici di legge.

In ragione delle attività di cui al precedente decreto interministeriale si dispone che gli enti e le amministrazioni interessate provvedano con risorse umane, strumentali e finanziarie ai sensi delle vigenti norme senza ulteriore aggravio di spesa per la finanza pubblica.

(Giovanni Dami)

***

In allegato è possibile scaricare una bozza di autocertificazione
Allegato: REDDITO ULTIMA ISTANZA - Autocertificazione.pdf Allegato: Decreto Interministeriale 28 marzo 2020.pdf

(Giovanni Dami)

Invia per email

LaPrevidenza.it, 01/04/2020

PAOLO SANTELLA
mini sito

Via Barberia N. 28, 40123, Bologna (BO)

Telefono:

0514845918

Cellulare:

3287438262

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

L’Avvocato Paolo Santella, del Foro di Bologna, patrocinante in Cassazione e presso le Magistrature Superiori, civi...

CARMELO FINOCCHIARO
mini sito

Via Carnazza, 81, 95030, Tremestieri Etneo (CT)

Telefono:

0958996835

Cellulare:

3358439786

Professione:

Consulente del Lavoro