giovedì, 30 maggio 2024

Il rifiuto del lavoratore di prendere servizio a seguito di trasferimento quale licenziamento disciplinare

Nota dell'Avv. Daniele Iarussi a Cass., sez. lav., 24 marzo 2010, n. 7045

 

In tema di licenziamento, Cass. 7045/2010 afferma che il licenziamento intimato al lavoratore per una qualche mancanza o inadempienza degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro (incluso il rifiuto di prendere servizio presso la nuova sede di lavoro assegnata per l'effetto di un trasferimento) ha ontologicamente natura disciplinare, indipendentemente dalla sua inclusione o meno tra le misure disciplinari della specifica disciplina del rapporto. Ne deriva che detta forma di licenziamento deve essere assoggettato alle garanzie dettate in favore del lavoratore dal secondo e terzo comma dell'art. 7 della legge n. 300 del 1970 circa la contestazione dell'addebito ed il diritto di difesa. (in senso conforme Cass., sez. lav., 13 agosto 2007, n. 17652).

(Avv. Daniele Iarussi)

Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 11/05/2010

VERONICA ALVISI
mini sito

Piazza Gramsci N. 4, 40026, Imola (BO)

Cellulare:

3495660326

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto civile e diritto del lavoro/previdenza

PAOLO SANTELLA
mini sito

Via Barberia N. 28, 40123, Bologna (BO)

Telefono:

0514845918

Cellulare:

3287438262

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

L’Avvocato Paolo Santella, del Foro di Bologna, patrocinante in Cassazione e presso le Magistrature Superiori, civi...