giovedė, 06 agosto 2020

Al dipendente delle Poste rapinato più volte spettano la rendita ed il risarcimento del danno a carico dell'INAIL

Cassazione sezione lavoro, 5212/2009

 

Con ricorso depositato in data 3.6.2000, Le. An. esponeva di essere stato licenziato da Po. It. spa il (OMESSO), per inidoneità fisica debitamente accertata dalla competente commissione ospedaliera. Negli anni 1987, 1990 e 1998 egli era stato vittima di rapine, delle quali l'ultima particolarmente lesiva, in quanto i malviventi avevano sfondato con un ariete i vetri blindati e lo avevano costretto ad aprire la cassaforte con una pistola puntata alla tempia, In conseguenza di tali episodi, esso attore era stato trasferito, col suo consenso, dall'ufficio di (OMESSO) a quello di (OMESSO), dopodichè tornava al primo ufficio, venendo peraltro assegnato a mansioni subordinate. Le continue aggressioni all'equilibrio psico-fisico avevano compromesso la sua salute, onde egli rivendicava il pagamento di una rendita a carico dell'INAIL ed il risarcimento del danno biologico a carico di Po. It..

2. Si costituivano i convenuti e contestavano ciascuno la propria legittimazione passiva, eccependo nel merito l'infondatezza delle pretese attrici. Po. It. spiegava domanda riconvenzionale, assumendo che il presunto danno biologico era ascrivibile al Le. per il "debole comportamento" assunto; tale domanda no è stata coltivata nei successivi gradi del giudizio.

Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 10/09/2009

DANIELA CARBONE
mini sito

Via A. Orsini 11, 63100, Ascoli Piceno (AP)

Telefono:

0736254695

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

lavoro e previdenza sociale

MARIA GINEVRA PAOLUCCI
mini sito

Via Santo Stefano 43, 40125, Bologna (BO)

Telefono:

051237192

Cellulare:

3356312148

Professione:

Docente Universitario

Aree di attività:

diritto commerciale, diritto societario, crisi di impresa, procedure concorsuali, diritto dell'arbitrato