martedì, 29 novembre 2022

La comparsa della variante Omicron è associata ad un vantaggio dell'infezione rispetto a Delta nelle persone vaccinate

MedRxiv, ricerca scientifica del 25.1.2022

 

L'emergere delle varianti di coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave continua a plasmare la pandemia della malattia di coronavirus 2019 (Covid-19). Il rilevamento e la rapida diffusione della variante SARS-CoV-2 Omicron (lignaggio B.1.1.529) in Botswana e Sud Africa è diventata una preoccupazione globale perché conteneva 15 mutazioni nel dominio di legame del recettore immunogenico della proteina spike ed era meno neutralizzata dai sieri derivato da vaccinati rispetto alla variante Delta precedentemente dominante. Per indagare se Omicron ha maggiori probabilità di Delta di causare infezioni nelle persone vaccinate, abbiamo analizzato 37.877 test PCR su tampone nasale condotti dal 12 al 26 dicembre 2021 e calcolato i tassi di positività al test per ciascuna variante in base allo stato di vaccinazione. 
Abbiamo scoperto che il tasso di positività tra le persone non vaccinate era più alto per Delta (5,2%) rispetto a Omicron (4,5%). Abbiamo trovato risultati simili nelle persone che hanno ricevuto una singola dose di vaccino. Al contrario, i nostri risultati mostrano che Omicron ha avuto tassi di positività più elevati rispetto a  Delta tra coloro che hanno ricevuto due dosi entro cinque mesi (Omicron = 4,7% contro Delta = 2,6%), due dosi più di cinque mesi fa (4,2% contro 2,9%) e tre dosi di vaccino (2,2% contro 0,9%). Le nostre stime dei tassi di positività di Omicron nelle persone che ricevevano una o due dosi di vaccino non erano significativamente inferiori rispetto alle persone non vaccinate, ma erano inferiori del 49,7% dopo tre dosi. In confronto, la riduzione dei tassi di positività Delta da non vaccinati a 2 dosi di vaccino è stata del 45,6-49,6% e a 3 dosi di vaccino è stata dell'83,2%. Nonostante i tassi di positività più elevati per Omicron nelle persone vaccinate, abbiamo comunque riscontrato che il 91,2% delle infezioni da Omicron nel nostro studio si è verificato in persone idonee a 1 o più dosi di vaccino al momento del test PCR. In conclusione, la fuga dall'immunità indotta dal vaccino ha probabilmente contribuito al rapido aumento delle infezioni da Omicron. 

Dichiarazione di interesse concorrente NDG è un consulente retribuito per Tempus Labs e la National Basketball Association.


***


Ricercatori

Chrispin Chaguza, Andreas Coppi, Rebecca Earnest, David Ferguson, Nicholas Kerantzas, Frederick Warner, H. Patrick Young, Mallery I. Breban, Kendall Billig, Robert Tobias Koch, Kien Pham, Chaney C. Kalinich, Isabel M. Ott, Joseph R. Fauver, Anne M. Hahn, Irina R. Tikhonova, Christopher Castaldi, Bony De Kumar, Christian M. Pettker, Joshua L. Warren, Daniel M. Weinberger, Marie L. Landry, David R. Peaper, Wade Schulz, Chantal B.F. Vogels, Nathan D. Grubaugh

doi: https://doi.org/10.1101/2022.01.22.22269660

 

***


(La traduzione è stata effettuata con il servizio di Google, ne consegue che il testo può contenere errori)

Per accedere alla fonte e al documento originale in lingua inglese cliccare su ACCEDI


***


Documento originale



Allegato: Studio MEDRxiv - 25 gennaio 2022.pdf
Invia per email

LaPrevidenza.it, 28/01/2022

MAURIZIO DANZA
mini sito

Via Devich 72, 00143, Roma (RM)

Telefono:

0664522748

Cellulare:

3383901238

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro e delle relazioni sindacali, diritto dell'Unione Europea; amministrativo; diritto scolastico; di...

VERONICA ALVISI
mini sito

Piazza Gramsci N. 4, 40026, Imola (BO)

Cellulare:

3495660326

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto civile e diritto del lavoro/previdenza