giovedý, 22 ottobre 2020

In tema di quantum per danno da morte

Cassazione, sezione III civile, sentenza del 28.02.2008, n. 5282 - Cesira Cruciani

 

Il danno morale per la morte del figlio psichicamente instabile ed affidato ad una struttura sanitaria che non riuscý ad impedirne il suicidio non pu˛ essere valutato in una somma inferiore rispetto a quella che verrebbe liquidata in riferimento alla morte di un figlio sano, lo ha stabilito la Corte di Cassazione, sezione III civile, con la sentenza del 28 febbraio 2008, n░ 5282 ritenendo altresý, che non esiste alcuna predisposizioneŁ ad accettarne la morte in capo al genitore, il patema d'animo ed il legame affettivo che stringe i genitori al figlio infermo intensificano, piuttosto che diminuire il legame emozionale. E la prova presuntiva di tale intensificata relazione affettiva pu˛ legittimamente desumersi, proprio dalla quantitÓ e qualitÓ di cure prodigate all'infermo.

Il Tribunale di Napoli aveva accolto la richiesta di risarcimento dei danni, patrimoniali e morali, dei genitori del ragazzo, che in seguito al ricovero nel reparto di neuropsichiatria con diagnosi di psicosi allucinatoria, si suicid˛ poche ore dopo, nonostante la segnalazione espressa da parte dei congiunti dei propositi suicidi. Il medico di guardia preposto non dispose gli indispensabili controlli, e fu dichiarato responsabile della morte del ragazzo.

Il sanitario ricorse alla Corte di Appello di Napoli lamentando come eccessiva la liquidazione del danno morale. I giudici partenopei ritennero che nel valutare il grado di sofferenza psichica dei genitori della vittima derivante dalla tragica fine del figlio,...
Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 17/03/2008

PAOLO SANTELLA
mini sito

Galleria G. Marconi N. 1, 40122, Bologna (BO)

Telefono:

0514845918

Cellulare:

3287438262

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto delle nuove tecnologie e informatica giuridica (diploma di specializzazione di master presso Alma Mater Uni...

ALESSANDRO BARONE
mini sito

Vill.prealpino Via Prima 24, 25136, Brescia (BS)

Telefono:

0302001574

Cellulare:

3479194117

Servizi:

consulenza del lavoro consulenza previdenziale