venerdì, 20 aprile 2018

Vigili urbani: decesso per esposizione a fattori cancerogeni

Corte dei Conti Lazio, Sentenza 4 dicembre 2003 n° 1386

 

La prolungata esposizione a fattori cancerogeni dovuta alla particolarità del servizio svolto (addetto alla viabilità) che determini l’insorgenza o l’aggravamento di una patologia neoplastica è da considerarsi causa o concausa del decesso.
Nel caso specifico, il disagio e lo stress lavorativo sono stati riconosciuti quali “concausa, efficiente e determinante, nella genesi, rivelazione, peggiorativo decorso dell’astrocitoma letale e quindi nella promozione-progressione oncogena di cellule altamente reattive a stimoli umorali, immunitari, neuroendocriti ed autocoidali”. La particolarità del servizio svolto, di fatto esclude una genericità di rischio ed assume fattore determinante per il riconoscimento del caso. (Si ringrazia l'Avv. Massimo Cassano, avvocato in Roma)
Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 24/08/2004

GIANFRANCO CARBONE
mini sito

Via Romagna N. 30, 34100, Trieste (TS)

Telefono:

040362294

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

diritto di famiglia, diritto del lavoro, civile, penale, responsabilità professionale

STEFANO BRUNI
mini sito

Via San Giovanni In Borgo N.4, 27100, Pavia (MN)

Telefono:

038222270

Cellulare:

3348555224

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

diritto amministrativo, diritto del lavoro, diritto tributario