giovedì, 22 ottobre 2020

Vigili urbani: decesso per esposizione a fattori cancerogeni

Corte dei Conti Lazio, Sentenza 4 dicembre 2003 n° 1386

 

La prolungata esposizione a fattori cancerogeni dovuta alla particolarità del servizio svolto (addetto alla viabilità) che determini l’insorgenza o l’aggravamento di una patologia neoplastica è da considerarsi causa o concausa del decesso.
Nel caso specifico, il disagio e lo stress lavorativo sono stati riconosciuti quali “concausa, efficiente e determinante, nella genesi, rivelazione, peggiorativo decorso dell’astrocitoma letale e quindi nella promozione-progressione oncogena di cellule altamente reattive a stimoli umorali, immunitari, neuroendocriti ed autocoidali”. La particolarità del servizio svolto, di fatto esclude una genericità di rischio ed assume fattore determinante per il riconoscimento del caso. (Si ringrazia l'Avv. Massimo Cassano, avvocato in Roma)
Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 24/08/2004

MARIA GINEVRA PAOLUCCI
mini sito

Via Santo Stefano 43, 40125, Bologna (BO)

Telefono:

051237192

Cellulare:

3356312148

Professione:

Docente Universitario

Aree di attività:

diritto commerciale, diritto societario, crisi di impresa, procedure concorsuali, diritto dell'arbitrato

SERGIO BENEDETTO SABETTA
mini sito

Professione:

Avvocato