La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 22/12/2014 02:21:23
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Avvocato Mario Rossi RSS Avvocato Mario Rossi
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
FOCUS
Notariato: reato di falso in atto pubblico al professionista con procura di un cliente in stato vegetativo.
Reato di peculato per il pubblico dipendente che falsifica mandati di pagamento
Regolamento recante norme di attuazione del sistema pubblico di prevenzione, sul piano amministrativo, delle frodi nel settore del credito al consumo, con specifico riferimento al furto d'identità
Le mansioni dirigenziali svolte dal dipendente pubblico non si riconoscono ai fini del Tfr
Risarcimento del danno al dipendente pubblico che per anni ha lavorato di domenica senza riposo compensativo
Armonizzazione dei requisiti di accesso a pensione per vigili del fuoco, soccorso pubblico e personale iscritto presso l'INPS, l'ex-ENPALS e l'ex-INPDAP
Imposta di bollo. Copia di un atto pubblico rilasciata dall'Archivio Notarile al fine dell'allegazione alla domanda di voltura catastale ai sensi dell'art. 4 del DPR 650 del 1972
Abolizione del finanziamento pubblico diretto, disposizioni per la trasparenza e la democraticita' dei partiti e disciplina della contribuzione volontaria e della contribuzione indiretta in loro favore
Pubblico impiego: inapplicabile il rito introdotto dalla legge Fornero specie nei casi di incompatibilità
Società partecipate a capitale pubblico: via libera alla trasformazione dei contratti in tempo determinato
La tutela del dipendente pubblico che segnala gli illeciti. L'istituto del whistleblowing nell'art.54 bis del testo unico del pubblico impiego
Le nuove imposizioni di oneri di servizio pubblico sulle rotte per Isola d'Elba
Pubblico impiego: prepensionamenti in caso di soprannumero
Pubblico Impiego: la riforma Fornero favorisce il prolungamento del servizio oltre i 65 anni
Pubblico impiego, collocamento a riposo d'ufficio ed innalzamento età pensionabile
Il dipendente che rifiuta di svolgere mansioni superiori non può essere licenziato. Il principio vale anche per i lavoratori del pubblico impiego
Diritto degli enti di ricerca - Il conto ore individuale nei contratti del pubblico impiego e negli enti di ricerca
L'evoluzione del rapporto di lavoro nel pubblico impiego tra potere di organizzazione della Pubblica Amministrazione e contrattazione collettiva
Rito Fornero e licenziamenti nel pubblico impiego contrattualizzato
Impugnazione sanzioni disciplinari nel pubblico impiego
Pubblico impiego: via libera ai permessi retribuiti per il dottorato
Adeguamento dal 2013 agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l'accesso a pensione del personale appartenente al comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico
Le posizioni organizzative nel comparto Sanità. Analisi dell'istituto dopo le recenti riforme del pubblico impiego
Pubblico Impiego, Vigili del Fuoco, lavoro straordinario e ingiunzione di pagamento
2013: nuovi indici speranza di vita per il pensionamento del personale appartenente al comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico
Pubblico Impiego privatizzato: le sezioni unite fanno il punto sul sistema di riparto di giurisdizione
Spending review e divieto di monetizzazione delle ferie del pubblico dipendente art. 5 c.8 legge 135/2012. Profili di compatibilità con l'articolo 36 della Costituzione
Pubblico dipendente: maternità a stipendio pieno anche se il bambino ha superato i tre anni di vita
L'affissione del codice disciplinare non salva dal licenziamento il pubblico dipendente assenteista
Pubblico impiego: demansionamento del dirigente di Polizia Municipale e risarcimento del danno
L'intesa per il rilancio del pubblico impiego. I nuovi interventi correttivi della riforma Brunetta
Forze armate e pubblico impiego. Indennità di buonuscita solo per il servizio permanente
La Gestione della mobilità collettiva nel pubblico impiego dopo la legge n.183 del 12 novembre 2011
Pubblico impiego: il pubblico dipendente che timbra il cartellino in luogo diverso da cui lavora non commette truffa
Concorso pubblico: in tema di decorrenza del limite di età definito dal bando
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Pensioni Pubblico Impiego

Pubblico Impiego

Pensione privilegiata: sulla decorrenza degli interessi legali e anatocistici
(Corte dei Conti Emilia Romagna, sentenza 13.06.2005 n° 774)

La questione non è nuova, ma la Pubblica Amministrazione si ostina a non tenere conto della giurisprudenza della Corte dei Conti e, peggio, ad “interpretare” le leggi in maniera arbitraria, per cui il cittadino è costretto a ricorrere alla Corte dei Conti per farsi riconoscere quello che …la Corte gli ha già riconosciuto!!

La vicenda può apparire complessa, ad una prima lettura della Sentenza che oggi pubblichiamo, ma in realtà è semplice.

Il Sig. F., agente di custodia (cioè guardia carceraria), dopo circa dieci anni di servizio ha chiesto nel 1991 al Ministero della Giustizia la pensione privilegiata per aver contratto una infermità nervosa a causa del servizio stesso. La domanda è stata respinta, come al solito (!), ha presentato ricorso alla Corte dei Conti che, con sentenza del 1998, gli ha riconosciuto il diritto a pensione, con decorrenza appunto dal 1991 (data della domanda) ed interessi legali e rivalutazione monetaria con decorrenza dal 1993 (data del decreto impugnato).

Tutto chiaro, ma cosa ha fatto il Ministero? Ha eseguito la Decisione della Corte liquidando, con Decreto del 1999, un primo assegno rinnovabile dal 1991 per quattro anni, poi ci ha pensato sopra dal 1999 al 2003 (per vedere se, per caso, nell’attesa, il povero ricorrente fosse guarito) ed alla fine gli ha riconosciuto, con un nuovo Decreto del 2003 appunto, la pensione vitalizia con tutti gli arretrati, ma facendo decorrere gli interessi dal…. 4 gennaio 2001! Spariti, nel cappello del prestigiatore, dieci anni di interessi e rivalutazione monetaria! Perché? Perché il Ministero ha interpretato una legge del 1998 in questo modo: avevo tempo sino al 2001 per emettere il secondo Decreto, poiché, invece, ho provveduto nel 2003 ti liquido solo gli interessi dal 2001 al 2003…. “dimenticandosi” della Decisione della Corte dei Conti e del fatto che, comunque, il diritto agli arretrati era maturato sin dal 1991!

Così, al povero Signor F. non è restato altro che tornare dall’Avvocato e ricorrere di nuovo alla Corte dei Conti, come dicevamo all’inizio.

La Corte dei Conti ha fatto definitivamente giustizia e, a questo punto, giustamente, ha riconosciuto anche gli interessi previsti dall’articolo 1283 c.c. (i c.d. interessi anatocistici) sino al soddisfo.

Spiace soltanto che siano rimaste a carico del cittadino le spese di giustizia, giacchè il Giudice ha ritenuto che… ci fosse “complessità di interpretazione” della legge per i poveri burocrati del Ministero.

(Si ringrazia l'avv. Massimo Cassiano)

Documento integrale

LaPrevidenza.it, 05/09/2005

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter