La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 26/05/2015 11:27:47
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Malattia RSS Malattia
Mobbing RSS Mobbing
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
FOCUS
Contratto di solidarietà
Legittimo il licenziamento per assenze da presunta malattia professionale
Operatori della formazione professionale. Legittimo il licenziamento per superamento del periodo di comporto per sommatoria dei periodi di malattia
Dirigente medico di pronto soccorso: reintegra nel posto di lavoro senza risarcimento del danno a causa di malattia non afferente al presunto demansionamento
Sulla legittima del licenziamento per giusta causa per aver svolto attività alle dipendenze di terzi durante il periodo di assenza per malattia
Malattia contratta in servizio ed a causa del lavoro svolto quale medico specialista in gastroenterologia in servizio al Centro tumori di Medicina nucleare
Licenziabile per giusta causa il dipendente che durante la malattia lavora
Malattia professionale accertata ante 1999: Poste tenute al pagamento della rendita
Gestione diretta delle attività relative alla riscossione dei contributi e all'erogazione delle prestazioni per malattia e altre prestazioni per i lavoratori assicurati ex IPSEMA. Competenza territoriale
Lavoratori del tessile-abbigliamento-moda. Una Tantum. Ricalcolo delle prestazioni economiche di maternità, di malattia, di integrazione salariale e di congedo matrimoniale
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2014
Esposizione a rischio patogeno dopo il quindicennio: nuova denuncia di malattia professionale. La sentenza della Corte costituzionale 46 del 2010
Rimborso della contribuzione malattia. Gli effetti dopo la pubblicazione della sentenza della Corte Costituzionale 82/2013
Gestione separata Inps: tutelata la malattia. Le istruzioni Inps
Assicurazione per l'indennità economica di malattia per operai e impiegati di imprese a capitale misto
Estensione del diritto alle indennità giornaliera di malattia e all'indennità per congedo parentale ai lavoratori iscritti alla Gestione separata
Documentazione necessaria per l'istruttoria delle pratiche di malattia professionale. Flusso procedurale per l'istruttoria delle denunce di malattia professionale del 18 settembre 2003
Sanzione per omessa o tardiva denuncia di infortunio o malattia professionale
Legittima la restituzione della contribuzione malattia anticipata dall'azienda che si fa carico di anticiparla per obbligo contrattuale
Poste: il diritto alla conservazione del posto vale anche al raggiungimento del periodo massimo di assenza per malattia
Congedo per cure invalidi e trattamento economico di malattia
Esposizione a radiofrequenze del cellulare: riconosciuta la malattia professionale
Malattia professionale non tabellata: ctu obbligatoria con individuazione di mansioni e agente morbigeno tabellare
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2011
Lavoratori addetti all'industria tessile - abbigliamento - moda. Una Tantum. Ricalcolo delle prestazioni economiche di maternità, di malattia, di integrazione salariale e di congedo matrimoniale
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Giurisprudenza Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Malattia Mobbing Pensioni Pubblico Impiego Risarcimento del danno

Pubblico Impiego

Pensione privilegiata: sulla decorrenza degli interessi legali e anatocistici
(Corte dei Conti Emilia Romagna, sentenza 13.06.2005 n° 774)

La questione non è nuova, ma la Pubblica Amministrazione si ostina a non tenere conto della giurisprudenza della Corte dei Conti e, peggio, ad “interpretare” le leggi in maniera arbitraria, per cui il cittadino è costretto a ricorrere alla Corte dei Conti per farsi riconoscere quello che …la Corte gli ha già riconosciuto!!

La vicenda può apparire complessa, ad una prima lettura della Sentenza che oggi pubblichiamo, ma in realtà è semplice.

Il Sig. F., agente di custodia (cioè guardia carceraria), dopo circa dieci anni di servizio ha chiesto nel 1991 al Ministero della Giustizia la pensione privilegiata per aver contratto una infermità nervosa a causa del servizio stesso. La domanda è stata respinta, come al solito (!), ha presentato ricorso alla Corte dei Conti che, con sentenza del 1998, gli ha riconosciuto il diritto a pensione, con decorrenza appunto dal 1991 (data della domanda) ed interessi legali e rivalutazione monetaria con decorrenza dal 1993 (data del decreto impugnato).

Tutto chiaro, ma cosa ha fatto il Ministero? Ha eseguito la Decisione della Corte liquidando, con Decreto del 1999, un primo assegno rinnovabile dal 1991 per quattro anni, poi ci ha pensato sopra dal 1999 al 2003 (per vedere se, per caso, nell’attesa, il povero ricorrente fosse guarito) ed alla fine gli ha riconosciuto, con un nuovo Decreto del 2003 appunto, la pensione vitalizia con tutti gli arretrati, ma facendo decorrere gli interessi dal…. 4 gennaio 2001! Spariti, nel cappello del prestigiatore, dieci anni di interessi e rivalutazione monetaria! Perché? Perché il Ministero ha interpretato una legge del 1998 in questo modo: avevo tempo sino al 2001 per emettere il secondo Decreto, poiché, invece, ho provveduto nel 2003 ti liquido solo gli interessi dal 2001 al 2003…. “dimenticandosi” della Decisione della Corte dei Conti e del fatto che, comunque, il diritto agli arretrati era maturato sin dal 1991!

Così, al povero Signor F. non è restato altro che tornare dall’Avvocato e ricorrere di nuovo alla Corte dei Conti, come dicevamo all’inizio.

La Corte dei Conti ha fatto definitivamente giustizia e, a questo punto, giustamente, ha riconosciuto anche gli interessi previsti dall’articolo 1283 c.c. (i c.d. interessi anatocistici) sino al soddisfo.

Spiace soltanto che siano rimaste a carico del cittadino le spese di giustizia, giacchè il Giudice ha ritenuto che… ci fosse “complessità di interpretazione” della legge per i poveri burocrati del Ministero.

(Si ringrazia l'avv. Massimo Cassiano)

Documento integrale

LaPrevidenza.it, 05/09/2005

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter