La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 01/09/2015 05:50:14
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Contributi RSS Contributi
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Fisco e Tributi RSS Fisco e Tributi
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Mobbing RSS Mobbing
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
FOCUS
Autotutela elemento centrale nel rapporto fisco-contribuenti
Cassa Forense: pubblicato il nuovo regolamento
Esame avvocato 2015 - Dal mese di ottobre inizia il Corso di preparazione online
Danno biologico: aggiornamento degli importi per ogni punto e giornata di inabilità in caso di sinistri stradali
Condannato l'avvocato che lascia deliberatamente trascorrere i termini per ottenere il risarcimento del danno in favore del suo cliente
Malattia professionale: l'attribuzione di un indennizzo in danno biologico per eventi precedenti l'entrata in vigore del decreto 38/2000 fa decadere il diritto
Risarcimento del danno da ripetute trasfusioni di sangue e plasma. Responsabilità della struttura sanitaria e cumulabilità del danno con l'indennizzo ai sensi della legge 210/92
La transazione con l'assicurazione ed i limiti al risarcimento del danno
Sindrome da fatica cronica nel dipendente ospedaliero, risarcimento del danno e cambio della mansione lavorativa
Dirigente medico di pronto soccorso: reintegra nel posto di lavoro senza risarcimento del danno a causa di malattia non afferente al presunto demansionamento
Contratto di somministrazione e richiesta di risarcimento del danno
La nuova frontiera del risarcimento derivante dal danno morale: il suicidio del congiunto
In caso di accertato demansionamento professionale, la liquidazione del danno alla professionalità del lavoratore non può prescindere dalla prova del danno e del relativo nesso causale
Istituto bancario. Il demansionamento da presposto con dipendenti sottoposti a tenutaria del registro statistico delle rapine legittima il danno alla professionalità ma non il mobbing
Il danno differenziale va calcolato globalmente o per poste complessive ai fini di assicurare un risultato di giustizia per tutte le parti in causa. Tale metodo è l'unico a poggiare su basi normative di rango costituzionale
Danno biologico per lesioni lievi. Aggiornamento degli importi per il 2014
Illegittimo l'aumento del premio causato da scambio di informazioni sensibili tra imprese assicuratrici. Ne deriva la condanna al risarcimento del danno in via equitativa e la soccombenza per le spese
Aumento in via straordinaria delle indennità dovute dall'I nail a titolo di recupero del valore dell'indennità risarcitoria del danno biologico a decorrere dal 2014
Risarcimento del danno al dipendente pubblico che per anni ha lavorato di domenica senza riposo compensativo
Agenzia Entrate non ha diritto al risarcimento del danno all'immagine
La perdita del bene vita è danno ex se risarcibile ed il relativo diritto è trasmissibile iure hereditatis
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Contributi Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Fisco e Tributi Giurisprudenza Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Mobbing Pubblico Impiego Risarcimento del danno

Pubblico Impiego

Pensione privilegiata: sulla decorrenza degli interessi legali e anatocistici
(Corte dei Conti Emilia Romagna, sentenza 13.06.2005 n° 774)

La questione non è nuova, ma la Pubblica Amministrazione si ostina a non tenere conto della giurisprudenza della Corte dei Conti e, peggio, ad “interpretare” le leggi in maniera arbitraria, per cui il cittadino è costretto a ricorrere alla Corte dei Conti per farsi riconoscere quello che …la Corte gli ha già riconosciuto!!

La vicenda può apparire complessa, ad una prima lettura della Sentenza che oggi pubblichiamo, ma in realtà è semplice.

Il Sig. F., agente di custodia (cioè guardia carceraria), dopo circa dieci anni di servizio ha chiesto nel 1991 al Ministero della Giustizia la pensione privilegiata per aver contratto una infermità nervosa a causa del servizio stesso. La domanda è stata respinta, come al solito (!), ha presentato ricorso alla Corte dei Conti che, con sentenza del 1998, gli ha riconosciuto il diritto a pensione, con decorrenza appunto dal 1991 (data della domanda) ed interessi legali e rivalutazione monetaria con decorrenza dal 1993 (data del decreto impugnato).

Tutto chiaro, ma cosa ha fatto il Ministero? Ha eseguito la Decisione della Corte liquidando, con Decreto del 1999, un primo assegno rinnovabile dal 1991 per quattro anni, poi ci ha pensato sopra dal 1999 al 2003 (per vedere se, per caso, nell’attesa, il povero ricorrente fosse guarito) ed alla fine gli ha riconosciuto, con un nuovo Decreto del 2003 appunto, la pensione vitalizia con tutti gli arretrati, ma facendo decorrere gli interessi dal…. 4 gennaio 2001! Spariti, nel cappello del prestigiatore, dieci anni di interessi e rivalutazione monetaria! Perché? Perché il Ministero ha interpretato una legge del 1998 in questo modo: avevo tempo sino al 2001 per emettere il secondo Decreto, poiché, invece, ho provveduto nel 2003 ti liquido solo gli interessi dal 2001 al 2003…. “dimenticandosi” della Decisione della Corte dei Conti e del fatto che, comunque, il diritto agli arretrati era maturato sin dal 1991!

Così, al povero Signor F. non è restato altro che tornare dall’Avvocato e ricorrere di nuovo alla Corte dei Conti, come dicevamo all’inizio.

La Corte dei Conti ha fatto definitivamente giustizia e, a questo punto, giustamente, ha riconosciuto anche gli interessi previsti dall’articolo 1283 c.c. (i c.d. interessi anatocistici) sino al soddisfo.

Spiace soltanto che siano rimaste a carico del cittadino le spese di giustizia, giacchè il Giudice ha ritenuto che… ci fosse “complessità di interpretazione” della legge per i poveri burocrati del Ministero.

(Si ringrazia l'avv. Massimo Cassiano)

Documento integrale

LaPrevidenza.it, 05/09/2005

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter