sabato, 21 maggio 2022

Concorso pubblico, commissione di concorso e cariche politiche dei componenti.

TAR Marche, sentenza 12-16 maggio 2011, n. 339 - Avv. Daniela Carbone

 

Con sentenza 12-16 maggio 2011, n. 339, il TAR Marche ha accolto il ricorso di un dipendente di una Zona Territoriale dell’ASUR Marche il quale, all’esito del mancato superamento di una procedura concorsuale interna di progressione verticale, denunciava, tra i vari motivi di illegittimità della procedura, che il Presidente della Commissione d’esame ricopriva la doppia carica politica sia di consigliere comunale di un comune locale sia la carica di Presidente della Comunità Montana. Il Giudice amministrativo, dopo aver rilevato l’esistenza di pronunce in senso contrario, tuttavia ha ritenuto che la titolarità di suddette cariche da parte del Presidente di Commissione, configuri la violazione dell’art. 35, comma 3, del d.lgs. n. 165/2001, ancorché trattasi di cariche svolte presso diversa amministrazione. L’articolo succitato prevede che “3.Le procedure di reclutamento nelle pubbliche amministrazioni si conformano ai seguenti principi:

omissis..

e) composizione  delle  commissioni  esclusivamente  con  esperti  di  provata   competenza   nelle   materie  di  concorso,  scelti  tra funzionari   delle   amministrazioni,  docenti  ed  estranei  alle medesime,  che  non  siano  componenti  dell'organo  di  direzione politica dell'amministrazione, che non ricoprano cariche politiche e  che  non  siano  rappresentanti  sindacali  o  designati  dalle confederazioni  ed  organizzazioni  sindacali o dalle associazioni professionali.”.

E’ dunque evidente che il citato art. 35 si riferisca indistintamente a tutte le “cariche politiche”, senza possibilità di distinguere all’interno di esse. Applicando l’art. 11 delle disposizioni preliminari del codice civile, secondo il famoso brocardo latino “ubi lex voluit dixit, ubi colui tacuit”, il Tar Marche ha evidenziato che il collegamento tra cariche politiche di enti diversi sussiste in ogni caso, grazie al rapporto che lega gli aderenti ai partiti politici o comunque da questi ultimi sostenuti e designati, il che rende legittimo il sospetto di imparzialità anche nei confronti di colui che rivesta una carica politica del tutto estranea all’ente che bandisce il concorso, in coerenza al principio di distinzione tra attività di indirizzo politico-amministrativo e l’attività generale, secondo cui è preclusa all’organo politico inferirsi nella seconda. Conseguentemente sono stati annullati tutti gli atti adottati dalla commissione d’esame nell’illegittima composizione, nonché i successivi  conseguenti ai primi. La sentenza in questione rileva poiché trattasi di una delle pochissime decisioni inerenti specificamente la commistione tra potere politico ed attività amministrativa, che ha avuto indubbiamente il “coraggio” (sia consentita l’espressione) di andare aldilà delle mera forma del dato normativo, con l’affermazione (implicita) del diritto di ciascun concorrente di essere giudicato in piena serenità, senza avere dubbi di parzialità, quantomeno dal punto di vista di possibili ingerenze politiche.

Daniela Carbone

  

Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 04/07/2011

VERONICA ALVISI
mini sito

Piazza Gramsci N. 4, 40026, Imola (BO)

Cellulare:

3495660326

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto civile e diritto del lavoro/previdenza

ANGELA LACARBONARA
mini sito

Via Rizzoli N.7, 40125, Bologna (BO)

Cellulare:

3490089280

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro, Diritto previdenziale