La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 24/07/2014 21:59:51
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
FOCUS
CORSO DI PREPARAZIONE ALL'ESAME DI AVVOCATO - SESSIONE DICEMBRE 2014
Lavoratori del tessile-abbigliamento-moda. Una Tantum. Ricalcolo delle prestazioni economiche di maternità, di malattia, di integrazione salariale e di congedo matrimoniale
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2014
Imprenditore dribbla il dolo se paga gli stipendi ma non il fisco
Esposizione a rischio patogeno dopo il quindicennio: nuova denuncia di malattia professionale. La sentenza della Corte costituzionale 46 del 2010
Rimborso della contribuzione malattia. Gli effetti dopo la pubblicazione della sentenza della Corte Costituzionale 82/2013
Assicurazione per l'indennità economica di malattia per operai e impiegati di imprese a capitale misto
Estensione del diritto alle indennità giornaliera di malattia e all'indennità per congedo parentale ai lavoratori iscritti alla Gestione separata
Documentazione necessaria per l'istruttoria delle pratiche di malattia professionale. Flusso procedurale per l'istruttoria delle denunce di malattia professionale del 18 settembre 2003
Sanzione per omessa o tardiva denuncia di infortunio o malattia professionale
Legittima la restituzione della contribuzione malattia anticipata dall'azienda che si fa carico di anticiparla per obbligo contrattuale
Poste: il diritto alla conservazione del posto vale anche al raggiungimento del periodo massimo di assenza per malattia
Malattia professionale non tabellata: ctu obbligatoria con individuazione di mansioni e agente morbigeno tabellare
Malattia professionale: il termine di prescrizione inizia dalla data di effettiva percezione della tecnopatia
Imposta evasa non è provento da delitto doloso ma risparmio d'imposta confuso nel patrimonio del contribuente
Accertamento dell'infortunio e della malattia professionale
Responsabilità del datore di lavoro per malattia professionale. Colpa ex art.40 secondo comma c.p. - prova - violazione di una specifica regola cautelare
Malattia professionale: ripartizione dell'onere probatorio tra datore di lavoro e lavoratore
Malattia professionale e nesso di causalità. La personalizzazione del risarcimento
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2011
Il terreno acquistato con agevolazioni statali non può essere rivenduto anticipatamente. Nemmeno per malattia del proprietario
Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore
Single: gioie e dolori
Mercato interno dell'elettricità. Approvazione preliminare delle metodologie utilizzate per calcolare o stabilire le condizioni di connessione e di accesso alle reti nazionali
L'indebito Inpdap originato per dolo dell'amministrazione non viene restituito: la corte accoglie il ricorso di un carabiniere padre di otto figli
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Pensioni Pubblico Impiego

Pensioni

Indebito pensionistico e recupero da parte dell'Inpdap
(Sentenza Corte dei conti, sez. Marche, 27 febbraio 2012 - Avv. Daniela Carbone)

Con sentenza pubblicata il 27.2.2012, la Corte dei conti, sez. Marche, Dott.ssa D. Scandurra, ha affermato l’irripetibilità delle somme indebitamente corrisposte sulla pensione del ricorrente, con il conseguente obbligo per l’Amministrazione di rimborsare quanto recuperato, in quanto gli errori commessi a causa dell’automazione delle procedure non debbono far carico, sempre e comunque, ai titolari delle pensioni, a fronte del vantaggio di ricevere tempestivamente i pagamenti. Secondo il giudice adito, la tempestività delle procedure non può essere riguardata come un bene aggiuntivo dei pensionati ma come assetto normale e doveroso dei servizi della erogati dalla P.A., anche se di faticosa realizzazione.

La fattispecie di causa attiene all’indebito sorto per omessa effettuazione delle ritenute in conto entrate Tesoro, ex artt. 141 del d.P.R. n. 1092 del 1973 e 21 della legge n. 78 del 1983 (poi abrogati dall'art. 2268, comma 1, n. 691, del D.Lgs. 15 marzo 2010, n. 66, recante “Codice dell'ordinamento militare” con decorrenza ottobre 2010), da parte dell’Inpdap (subentrato dal 01.01.2003 all’Amministrazione militare nella presa in carico della partita di pensione), a seguito di “un’anomalia interna al sistema informatico”. In particolare, gli indebiti pagamenti sono derivati da un errore che si è verificato in sede di esecuzione del provvedimento di liquidazione della pensione, indipendentemente, quindi, dall’emanazione di un successivo decreto di revoca e di modifica. Ne consegue, pertanto, l’inapplicabilità dell’art. 206 del d.P.R. n. 1092 del 1973 sopra richiamato.

Le altre norme invocate a sostegno della pretesa fatta valere sono costituite dall’art. 9 della legge 7 agosto 1985, n. 428 e dall’art. 5 del d.P.R. n. 429/1986.

La sentenza ripercorre esaustivamente la normativa vigente in materia, evidenziando che, nel caso di specie, non si è trattato di una lavorazione meccanografica relativa a variazioni di carattere generale, ma di una lavorazione riguardante una specifica partita di pensione e, pertanto, soggetta alla disciplina dell’art. 9 della legge 428/1985, che prevede, appunto, l’effettuazione del controllo entro il termine di un anno, trascorso il quale le liquidazioni diventano definitive, senza alcuna possibilità di recupero.

E comunque, ancorché si voglia ritenere che la possibilità del recupero permanga oltre il termine annuale di revisione, il recupero stesso non è incondizionato, in quanto il carattere non più provvisorio dei pagamenti effettuati rende applicabile, per identità di principio, il criterio di cui all’art. 206 del t.u. 1092/1973, che consente la ripetibilità soltanto in presenza di dolo del pensionato. Poiché nel caso di specie non sussiste alcun dolo da parte del pensionato, l’amministrazione è stata condannata alla restituzione di quanto trattenuto per irripetibilità dell’indebito.

Documento integrale

LaPrevidenza.it, 24/03/2012

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter