venerdž, 20 settembre 2019

Enasarco: il criterio di calcolo della pensione anticipata per vecchiaia non lede il principio del pro rata temporis

Cassazione, Sentenza 21.7.2010 n. 17102

 

Con ricorso al Tribunale di Firenze, giudice del lavoro, M. F. contestava la misura della pensione liquidatagli dalla Fondazione ENASARCO, assumendo che la stessa andava calcolata in base alle provvigioni relative agli anni 1984, 1985 e 1986, e domandava perciò la condanna della convenuta Fondazione alle relative differenze. A sostegno della sua pretesa, esponeva di avere svolto attivitàdi commercio dal 1978 al 1987 e di avere effettuato versamenti volontari per potersi assicurare il diritto alla pensione di vecchiaia in base alle previsioni di cui alla L. n. 12 del 1973, art. 10 raggiungendo, nel 1992, l'anzianità contributiva necessaria (quindici anni) prima del compimento - nel 1998 dell'età pensionabile; di avere versato in quest'ultimo a seguito della privatizzazione dell'Ente, con la trasformazione in Fondazione, e della modifica della disciplina delle pensioni introdotta dal nuovo regolamento dell'ENASARCO, una ulteriore annualità di contribuzione requisiti pensionistici (sessantun anni di età e sedici anni di contribuzione) in data 1 novembre 1999; che la Fondazione ENASARCO, nel determinare la base di calcolo della pensione, aveva tenuto conto della media provvigionale maturata nel triennio 1989 1990 - 1991, e non di quella maturata nel piuu favorevole triennio 1984 1985 1986, precedente la maturazione dell'anzianità secondo la pregressa disciplina...

Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 27/08/2010