domenica, 31 maggio 2020

Riepilogo dei criteri di valorizzazione dei periodi accreditati figurativamente, applicati dalla procedura di valorizzazione automatica

Allegato alla circolare Inps 24.1.2013 n. 11

 

Riepilogo dei criteri di valorizzazione dei periodi accreditati figurativamente, applicati dalla procedura di valorizzazione automatica

 L’applicativo che determina in automatico il valore retributivo da accreditare ai periodi di contribuzione figurativa opera sulla base delle disposizioni che nel tempo, a partire dalla circolare n. 598 RCV/171 del 24 luglio 1982, sono state emanate sulla materia.

L’applicativo in esame non calcola il valore retributivo dei periodi:

-    di integrazione salariale,

-    di aspettativa per cariche politiche e per incarichi sindacali (legge 300/1970)

-    di persecuzione politica o razziale (legge 10 marzo 1955, n. 96)

-    di ricostruzione del rapporto assicurativo di cui alla legge 15 febbraio 1974, n. 36,

per la cui valorizzazione sono previsti criteri diversi da quelli indicati dai primi 3 commi dell’articolo 8 della legge n. 155/1981.

L’applicativo non tratta neppure la valorizzazione dei periodi di mobilità, che risultano registrati in estratto conto completi dell’ammontare della relativa retribuzione figurativa (v. msg. n. 15223 del 19 novembre 1996).

 

1)  CRITERI DI VALORIZZAZIONE DEI PERIODI FIGURATIVI

Il valore retributivo che la procedura automatizzata attribuisce a ciascun evento figurativo viene calcolato sulla base degli emolumenti erogati al lavoratore ed assoggettati a contribuzione dal datore di lavoro nel corso dell'anno o del minor periodo considerato.

Nel calcolo del valore retributivo figurativo rientrano anche le retribuzioni dei periodi per i quali la contribuzione è dovuta, non versata e non prescritta, quelle derivanti da costituzione di rendita vitalizia ex art. 13 della legge 12 agosto 1962, n. 1338 e da riscatto di periodi lavorativi (all’estero, in Libia, ecc..), nonché le retribuzioni correlate a versamenti volontari ed a riscatti effettuati ad integrazione di periodi contributivi obbligatori a part-time.

 

Di norma, devono essere invece escluse dalla base di calcolo:

a)    le retribuzioni settimanali percepite in misura ridotta (presenti nelle denunce individuali dall’anno 1989 o registrate in ARPA con codice 142) che si riferiscono:

-    a settimane parzialmente lavorate (ad esempio settimane nelle quali si collocano malattie non accreditabili, per eventi di durata inferiore a 7 giorni);

-    ad uno degli eventi che danno diritto all'accredito di contribuzione figurativa (malattia di almeno 7 giorni, gravidanza e puerperio, donazione sangue, assistenza antitubercolare, …);

-    a trattamenti di integrazione salariale;

b)    le somme corrisposte a titolo di indennità sostitutiva del mancato preavviso, non assimilabili alle retribuzioni correnti (il periodo di preavviso viene comparato ad un periodo di lavoro effettivo soltanto ai fini della determinazione della misura dell’indennità);

c)    le retribuzioni ultramensili (13^, 14^ ed eventuali altre mensilità aggiuntive, gratifiche, somme corrisposte per ferie e festività non godute) e le somme pagate a titolo di arretrati, dovuti per legge o per previsione contrattuale e riferiti ad anni precedenti.

 

Non vengono inoltre considerati nel calcolo:

-    i contributi volontari (fatta eccezione per i versamenti volontari integrativi della contribuzione obbligatoria),

-    i contributi figurativi (per malattia, maternità, servizio militare, disoccupazione, malattia specifica, aspettative politiche/sindacali, ecc..), fatta eccezione per quelli relativi a periodi di integrazione salariale;

-    i contributi da riscatto relativi a fattispecie non attinenti ad attività lavorativa, fatta eccezione – come sopra specificato - per i periodi di rendita vitalizia, di lavoro all’estero, di lavoro in Libia e per quelli versati ad integrazione di periodi contributivi obbligatori.

 

1.1)  Eventi collocati in vigenza delle marche assicurative

I criteri di valorizzazione dei periodi figurativi definiti dall’articolo 8 della legge n. 155/1981 trovano applicazione anche quando la base di calcolo della “retribuzione figurativa” è costituita dai contributi IVS accreditati ai periodi di vigenza delle marche assicurative.

Ad ogni periodo antecedente al sistema DM/1969, in corrispondenza del quale risulta registrato il contributo IVS, la procedura attribuisce il corrispondente valore di retribuzione, desumendolo dalla tabella C allegata al DPR n. 488/1968 (tabella successivamente sostituita dalla “tabella E”, allegata al decreto-legge 29 luglio 1981, n. 402 convertito con legge 26 settembre 1981, n. 537) e determina la relativa retribuzione media settimanale, che viene accreditata a ciascuna settimana del periodo figurativo. In presenza di più periodi nello stesso anno solare la procedura calcola per ciascuno di essi la retribuzione corrispondente al rispettivo valore IVS, determina la retribuzione media settimanale su base annuale e l’attribuisce al periodo accreditato figurativamente.

In concreto, pertanto, ogni volta che il calcolo del valore figurativo prende a riferimento un anno solare antecedente all'introduzione del sistema DM/1969, il valore retributivo assegnato al periodo figurativo viene determinato effettuando la media settimanale delle retribuzioni dedotte dai contributi base IVS, mediante l'uso delle richiamate tabelle. Tale valore figurativo medio viene attribuito nella misura determinata, anche se di importo superiore a quello della retribuzione della classe massima di ciascuna tabella dei contributi IVS in uso pro-tempore (cfr. punto 1, circ. 56 del 6.3.1985). Qualora le retribuzioni desunte dall’anzidetta tabella C siano relative a periodi antecedenti al 30 aprile 1968 e rientrino nel calcolo della retribuzione pensionabile, la rivalutazione di cui all’art. 3, comma 11, della legge 29 maggio 1982, n. 297 viene operata in misura corrispondente alla variazione dell’indice ISTAT fra il 1968 - anno al quale dette retribuzioni pregresse sono state attualizzate - e l’anno precedente la decorrenza della pensione (cfr. circ. 124 del 10.11.2006). Si precisa che le registrazioni pluriennali presenti negli archivi ARPA vengono elaborate dalla procedura con frazionamento per anno solare e contestuale ridistribuzione proporzionale del numero di settimane del periodo considerato e della relativa contribuzione IVS, laddove presente. L’importo medio settimanale IVS, così ottenuto ed attribuito all’anno di riferimento del calcolo, costituisce l’elemento su cui la procedura determina il valore da assegnare all’accredito figurativo (retribuzione corrispondente alla classe IVS immediatamente superiore). Per quanto ovvio, si fa presente che per un calcolo coerente con l’importo IVS dell’anno di accredito dell’evento figurativo è necessario la scissione di una registrazione pluriennale in registrazioni annuali a cura dell’operatore, con attribuzione a ciascun anno dell’effettivo numero di settimane e del relativo importo di contribuzione, in particolare quando il periodo considerato risulta non interamente coperto. A tale proposito si precisa che l’importo IVS di ciascun anno non deve essere depurato della quota IVS relativa a mensilità aggiuntive (gratifiche, ecc.), considerata l’assenza di informazioni in merito all’ammontare delle retribuzioni ridotte, che devono essere detratte dall’imponibile per espressa previsione normativa. Consegue che i codici ARPA 141 e 142 non devono essere utilizzati per periodi coperti con marche assicurative...


Allegato: Circolare numero 11 del 24-01-2013_Allegato n 1-1.pdf
Invia per email

LaPrevidenza.it, 25/01/2013

GIOVANNA LONGHI
mini sito

Via San Felice N. 6, 40124, Bologna (BO)

Telefono:

051220171

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro, diritto previdenziale, diritto civile

ANGELA LACARBONARA
mini sito

Via Rizzoli N.7, 40125, Bologna (BO)

Cellulare:

3490089280

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro, Diritto previdenziale