La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 01/04/2015 03:04:31
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Malattia RSS Malattia
Mobbing RSS Mobbing
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
FOCUS
Contratto di solidarietà
Legittimo il licenziamento per assenze da presunta malattia professionale
Operatori della formazione professionale. Legittimo il licenziamento per superamento del periodo di comporto per sommatoria dei periodi di malattia
Dirigente medico di pronto soccorso: reintegra nel posto di lavoro senza risarcimento del danno a causa di malattia non afferente al presunto demansionamento
Sulla legittima del licenziamento per giusta causa per aver svolto attività alle dipendenze di terzi durante il periodo di assenza per malattia
Malattia contratta in servizio ed a causa del lavoro svolto quale medico specialista in gastroenterologia in servizio al Centro tumori di Medicina nucleare
Licenziabile per giusta causa il dipendente che durante la malattia lavora
Malattia professionale accertata ante 1999: Poste tenute al pagamento della rendita
Gestione diretta delle attività relative alla riscossione dei contributi e all'erogazione delle prestazioni per malattia e altre prestazioni per i lavoratori assicurati ex IPSEMA. Competenza territoriale
Lavoratori del tessile-abbigliamento-moda. Una Tantum. Ricalcolo delle prestazioni economiche di maternità, di malattia, di integrazione salariale e di congedo matrimoniale
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2014
Esposizione a rischio patogeno dopo il quindicennio: nuova denuncia di malattia professionale. La sentenza della Corte costituzionale 46 del 2010
Rimborso della contribuzione malattia. Gli effetti dopo la pubblicazione della sentenza della Corte Costituzionale 82/2013
Gestione separata Inps: tutelata la malattia. Le istruzioni Inps
Assicurazione per l'indennità economica di malattia per operai e impiegati di imprese a capitale misto
Estensione del diritto alle indennità giornaliera di malattia e all'indennità per congedo parentale ai lavoratori iscritti alla Gestione separata
Documentazione necessaria per l'istruttoria delle pratiche di malattia professionale. Flusso procedurale per l'istruttoria delle denunce di malattia professionale del 18 settembre 2003
Sanzione per omessa o tardiva denuncia di infortunio o malattia professionale
Legittima la restituzione della contribuzione malattia anticipata dall'azienda che si fa carico di anticiparla per obbligo contrattuale
Poste: il diritto alla conservazione del posto vale anche al raggiungimento del periodo massimo di assenza per malattia
Congedo per cure invalidi e trattamento economico di malattia
Esposizione a radiofrequenze del cellulare: riconosciuta la malattia professionale
Malattia professionale non tabellata: ctu obbligatoria con individuazione di mansioni e agente morbigeno tabellare
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2011
Lavoratori addetti all'industria tessile - abbigliamento - moda. Una Tantum. Ricalcolo delle prestazioni economiche di maternità, di malattia, di integrazione salariale e di congedo matrimoniale
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Giurisprudenza Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Malattia Mobbing Pensioni Pubblico Impiego Risarcimento del danno

Leggi e Normative

Licenziamento giusta causa: necessaria la contestazione dell'addebito e obbligo di audizione del lavoratore
(Corte di Cassazione, Sezione lavoro, Sentenza 9 ottobre 2007, n. 21066 - Gesuele Bellini)



In tema di

licenziamento per giusta causa, il datore di lavoro non può

prescindere dalla previa contestazione dell'addebito e dall'audizione

del lavoratore, ai sensi dell'art. 7 della legge n. 300 del 1970, se

quest'ultimo lo richiede e non abbia fini dilatori, ma la funzione di

protrarre la difesa scritta attraverso chiarimenti e precisazioni.



Questa la

conclusione a cui sostanzialmente è giunta la Corte di

Cassazione, sezione lavoro, nella sentenza 9 ottobre 2007, n. 21066.



La vicenda ha

riguardato una società datrice di lavoro che, a seguito di un

licenziamento di un dipendente per giusta causa, si era vista

condannare dal giudice di primo grado alla reintegrazione del

lavoratore licenziato, nonché al pagamento delle retribuzioni

dal licenziamento alla reintegrazione dello stesso, e ciò in

quanto avrebbe disatteso delle procedure formali, con particolar

riguardo alla mancata audizione del dipendente che, ricevuto

l'addebito, aveva fornito generiche controdeduzioni chiedendo di

essere ascoltato per alcune precisazioni.



Sentenza

confermata, con alcune limitazioni retributive, anche dalla Corte

D'Appello, avverso la quale la società interessata ha proposto

ricorso per Cassazione.



La Corte ha

respinto il ricorso ritenendo che nella fattispecie la richiesta del

lavoratore di essere ascoltato non era affatto dilatoria ma, in base

al contenuto, alla complessità della vicenda, alla generica

giustificazione influenzata dalla scarna contestazione adottata, le

brevi giustificazioni scritte dall'interessato non potevano ritenersi

esaurienti senza necessità di ulteriori precisazioni.



Al riguardo,

nella sentenza in esame, la Corte ha richiamato alcuni indirizzi

giurisprudenziali, fornendo importanti principi in tema di

procedimento disciplinare, ancorché finalizzati al

licenziamento, che giova la pena ricordare:





  1. il datore di

    lavoro, in base all'art. 7, secondo comma della legge 20 maggio 1970

    n. 300, ha l'onere di "sentire" il lavoratore a sua

    difesa, inteso nel senso di ammettere un pur breve contraddittorio

    che permetta al lavoratore di fornire le proprie giustificazioni;



  2. il diritto

    alla difesa del lavoratore si può esercitare attraverso la

    produzione di uno scritto, con cui si forniscono le controdeduzioni,

    ma può anche non consumarsi in questa fase, in quanto il

    lavoratore può chiedere di essere sentito personalmente;



  3. la richiesta

    del lavoratore come protrazione della difesa attraverso una

    personale audizione vincola il datore: il lavoratore ha il diritto

    di essere "sentito" (Cass. 6 luglio 1999 n. 7006);



  4. la richiesta

    di essere sentito del lavoratore deve rispondere a due condizioni:






a)

deve essere tempestiva, nei cinque giorni dalla contestazione;

tuttavia si ammette la formulazione della richiesta anche dopo la

scadenza del termine di 5 giorni dalla contestazione, ove la stessa

risponda ad esigenze di difesa non altrimenti tutelabili, in quanto

non è stata possibile la piena realizzazione della garanzia

apprestata dalla legge (Cass. 13 gennaio 2005 n. 488);



b)

non deve avere uno scopo dilatorio bensì una sua necessità

di protrarre la difesa scritta attraverso chiarimenti e precisazioni;





  1. il

    provvedimento disciplinare può essere legittimamente irrogato

    anche prima della scadenza del termine suddetto, se il lavoratore ha

    esercitato pienamente il proprio diritto di difesa, facendo

    pervenire al datore di lavoro le proprie giustificazioni, senza

    manifestare alcuna esplicita riserva di ulteriori produzioni

    documentali o motivazioni difensive (Cass. 7 maggio 2003 n. 6900).



  2. la

    valutazione circa l'effettiva possibilità per il lavoratore

    di esercitare adeguatamente il suo diritto come normativamente

    previsto, ed in particolare di accertare la sussistenza, dopo la

    presentazione di giustificazione scritta, della necessità di

    un'audizione, spetta al giudice (Cass. 23 febbraio 2002 n. 4187;

    Cass. 16 settembre 2000 n. 12268; Cass. 28 agosto 2000 n. 11279).











(Gesuele

Bellini, responsabile sezione Pubblico Impiego dell'osservatorio)



Documento integrale

LaPrevidenza.it, 02/11/2007

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter