La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 30/08/2014 02:25:33
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
FOCUS
Forme, riforme e complessità. Dall'Ancien régime all'Unione Europea
Il grande circuito. Nascita di un sistema economico gloable
Interpretazione costruttivista o scompositiva?
Autopercezione di impotenza e complessità normative
Chiedere e ricevere aiuto - Problematicità nel soccorso e negli interventi umanitari
L' aggressività nel capitale umano
CORSO DI PREPARAZIONE ALL'ESAME DI AVVOCATO - SESSIONE DICEMBRE 2014
Le reti normative
Tempo giuridico e tempo linguistico
Stereotipi e categorizzazione della realtà
Cicli economici, austerity ed etica
Lo scambio sociale
Influenza sociale e libertà
Sul pregiudizio, ossia i limiti della razionalità
Ruolo e identità
Psicologia sociale nel giuridico
Antropologia normativa
La logica sociale nelle istituzioni
Eguaglianza e frammentazione
I costi tecnologici
L'ermeneutica nella comunicazione ideologica
Il rasoio di Occam tra gestione, interpretazione ed ermeneutica esegetica
Etica del sistema giuridico nell'ego e nei sistemi sociali complessi
Logica giuridica
L'atomismo relazionale della norma. Tra libertà ed efficienza
L'etica nella giustizia globale
L'io nell'etica politica
Etica e ligittimità
Tra scienza e diritto. Alla perenne ricerca dell'equilibrio
Le virtù del non essere. Riflessioni morali
Il diritto nella logica complessa
Alle origini del linguaggio giuridico
La responsabilità come rischio
La memoria condivisa
Forma ed atto. Verso una utopia informatica
La scelta politica
L'economia della colpa. La logica delle emozioni
Aggressività, corruzione e concussione nella fragilità di sistema
Il diritto nella complessità del sè
Tra cultura, leadership e burocrazia
Incoerenza e cambiamento
To apeiron ovvero l'essere indefinito
Intenzione e intenzionalità
Alla ricerca della perfezione. L'eccellenza e la normalità
Libertà, coscienza e causalità
Strategia mista tra finanza e stima
Il valore della ricerca
Engagement: riflessioni sul lavoro
Il messaggio normativo
La ricerca del senso, ovvero la mancata utopia
Il rischio culturale
La fragilità organizzativa
Domanda di servizi ed etica
La democrazia tra informazione e persuasione. Le problematiche del controllo
Crisi sociale e dinamiche di sistema
Egoismo e responsabilità. Alla ricerca della qualità
Semiologia e semantica giuridica
Impression management e seduzione
La sclerosi burocratica. Tra riduzione di costi e inefficienza
Personalità e differenze
Atteggiamento, percezione, giudizio
Cultura organizzativa, contesto ambientale e cambiamento
Un gruppo definito collegio. Dinamica di un sottosistema
Famiglia e Stato
La normazione dei sistemi
Rischio sistematico e parresia
L'interpretazione giuridica nelle strategie miste
Quando l'organizzazione perde la propria missione
La sanità italiana tra Reegineering e Project Finance
Efficienza e violenza
Capitale Intellettuale e specializzazioni economiche
Etica e logica nel controllo
Alla ricerca della verità critica. L'intollerabile rischio della verità
Corruzione, economicismo e cittadinanza passiva
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Pensioni Pubblico Impiego

Leggi e Normative

Danni al bene affidato al lavoratore: questi deve provare la propria assenza di colpa, in particolare dimostrando di aver adottato la diligenza che la normativa richiede
(Cassazione Civile – Sezione lavoro – Sentenza 26 maggio 2008, n.13530 – Dott.Valter Marchetti)



FATTO



Nel caso in esame un datore di lavoro chiama in giudizio un

proprio dipendente chiedendone la condanna al risarcimento dei danni

da questi causati ad un veicolo della società guidato dallo

stesso dipendente nell'espletamento delle sue mansioni. Il giudice

di primo grado respinge la domanda mentre quello del gravame la

accoglie.



NATURA CONTRATTUALE DELLA RESPONSABILITA’ DEL PRESTATORE DI

LAVORO. La Corte ha ribadito la natura contrattuale della

responsabilità del prestatore di lavoro, aderendo così

a quell’orientamento giurisprudenziale che, in materia di

obblighi da rapporto di lavoro, pone come base normativa il

principio generale di cui all’art.1218 c.c., in particolare

nelle ipotesi di danno cagionato dal lavoratore al bene affidatogli

dal datore per lo svolgimento della prestazione. La Cassazione

osserva come la diligenza ex art.2104 c.c. richiesta al lavoratore

subordinato è solo un “ corollario” del criterio

generale espresso nell’art.1176c.c. che sta alla base di tutti

i rapporti obbligatori.



NELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA E’ PREVISTO ANCHE L’USO

APPROPRIATO DEL BENE AFFIDATO. Il lavoratore e’ tenuto ad

utilizzare il bene senza arrecare danni a questo ultimo, in caso

contrario, secondo i giudici della Suprema Corte, il danno causato

dal lavoratore costituisce inadempimento nel senso di mancanza o

inesattezza della prestazione in oggetto. Occorre valutare la

diligenza del dipendente, tenendo conto della natura e degli aspetti

della prestazione ex art.2104 c.c., anche con riferimento alle

condizioni di capacità e preparazione ed esperienza del

lavoratore alle mansioni affidate dal suo preposto; in particolare,

sottolinea la Corte, va analizzata la posizione del dipendente “con

riferimento alla sua qualifica professionale, alla natura delle

incombenze specifiche affidategli ed ai correlati obblighi “.



DISTRIBUZIONE DELL’ONERE PROBATORIO. Nella responsabilità

contrattuale del lavoratore a causa di danni arrecati al bene

affidatogli per lo svolgimento della prestazione, è onere del

datore provare il danno ed il rapporto di causalità con la

materiale (anche omissiva) condotta del lavoratore ma, nello stesso

tempo, conclude la Cassazione, è onere del lavoratore provare

di aver adottato la diligenza normativamente richiesta. e, più

in generale, la propria assenza di colpa. Nella fattispecie de qua,

il prestatore di lavoro non ha provato ex art. 2697, comma 2, c.c.,

la negazione dell'inadempimento e quindi, secondo la Cassazione, deve

essere ritenuto responsabile del danno provocato al bene affidatogli

dal datore di lavoro ai fini della prestazione oggetto del rapporto

di lavoro.



Dott.

Valter Marchetti, Patrocinatore Legale, Foro di Savona



Documento integrale

LaPrevidenza.it, 18/07/2008

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter