La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 28/07/2014 16:21:31
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
FOCUS
CORSO DI PREPARAZIONE ALL'ESAME DI AVVOCATO - SESSIONE DICEMBRE 2014
Lavoratori del tessile-abbigliamento-moda. Una Tantum. Ricalcolo delle prestazioni economiche di maternità, di malattia, di integrazione salariale e di congedo matrimoniale
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2014
Imprenditore dribbla il dolo se paga gli stipendi ma non il fisco
Esposizione a rischio patogeno dopo il quindicennio: nuova denuncia di malattia professionale. La sentenza della Corte costituzionale 46 del 2010
Rimborso della contribuzione malattia. Gli effetti dopo la pubblicazione della sentenza della Corte Costituzionale 82/2013
Assicurazione per l'indennità economica di malattia per operai e impiegati di imprese a capitale misto
Estensione del diritto alle indennità giornaliera di malattia e all'indennità per congedo parentale ai lavoratori iscritti alla Gestione separata
Documentazione necessaria per l'istruttoria delle pratiche di malattia professionale. Flusso procedurale per l'istruttoria delle denunce di malattia professionale del 18 settembre 2003
Sanzione per omessa o tardiva denuncia di infortunio o malattia professionale
Legittima la restituzione della contribuzione malattia anticipata dall'azienda che si fa carico di anticiparla per obbligo contrattuale
Poste: il diritto alla conservazione del posto vale anche al raggiungimento del periodo massimo di assenza per malattia
Malattia professionale non tabellata: ctu obbligatoria con individuazione di mansioni e agente morbigeno tabellare
Malattia professionale: il termine di prescrizione inizia dalla data di effettiva percezione della tecnopatia
Imposta evasa non è provento da delitto doloso ma risparmio d'imposta confuso nel patrimonio del contribuente
Accertamento dell'infortunio e della malattia professionale
Responsabilità del datore di lavoro per malattia professionale. Colpa ex art.40 secondo comma c.p. - prova - violazione di una specifica regola cautelare
Malattia professionale: ripartizione dell'onere probatorio tra datore di lavoro e lavoratore
Malattia professionale e nesso di causalità. La personalizzazione del risarcimento
Prestazioni economiche di malattia, di maternità e di tubercolosi. Salari medi e convenzionali e altre retribuzioni o importi. Anno 2011
Il terreno acquistato con agevolazioni statali non può essere rivenduto anticipatamente. Nemmeno per malattia del proprietario
Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore
Single: gioie e dolori
Mercato interno dell'elettricità. Approvazione preliminare delle metodologie utilizzate per calcolare o stabilire le condizioni di connessione e di accesso alle reti nazionali
L'indebito Inpdap originato per dolo dell'amministrazione non viene restituito: la corte accoglie il ricorso di un carabiniere padre di otto figli
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Pensioni Pubblico Impiego

Leggi e Normative

Danni al bene affidato al lavoratore: questi deve provare la propria assenza di colpa, in particolare dimostrando di aver adottato la diligenza che la normativa richiede
(Cassazione Civile – Sezione lavoro – Sentenza 26 maggio 2008, n.13530 – Dott.Valter Marchetti)



FATTO



Nel caso in esame un datore di lavoro chiama in giudizio un

proprio dipendente chiedendone la condanna al risarcimento dei danni

da questi causati ad un veicolo della società guidato dallo

stesso dipendente nell'espletamento delle sue mansioni. Il giudice

di primo grado respinge la domanda mentre quello del gravame la

accoglie.



NATURA CONTRATTUALE DELLA RESPONSABILITA’ DEL PRESTATORE DI

LAVORO. La Corte ha ribadito la natura contrattuale della

responsabilità del prestatore di lavoro, aderendo così

a quell’orientamento giurisprudenziale che, in materia di

obblighi da rapporto di lavoro, pone come base normativa il

principio generale di cui all’art.1218 c.c., in particolare

nelle ipotesi di danno cagionato dal lavoratore al bene affidatogli

dal datore per lo svolgimento della prestazione. La Cassazione

osserva come la diligenza ex art.2104 c.c. richiesta al lavoratore

subordinato è solo un “ corollario” del criterio

generale espresso nell’art.1176c.c. che sta alla base di tutti

i rapporti obbligatori.



NELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA E’ PREVISTO ANCHE L’USO

APPROPRIATO DEL BENE AFFIDATO. Il lavoratore e’ tenuto ad

utilizzare il bene senza arrecare danni a questo ultimo, in caso

contrario, secondo i giudici della Suprema Corte, il danno causato

dal lavoratore costituisce inadempimento nel senso di mancanza o

inesattezza della prestazione in oggetto. Occorre valutare la

diligenza del dipendente, tenendo conto della natura e degli aspetti

della prestazione ex art.2104 c.c., anche con riferimento alle

condizioni di capacità e preparazione ed esperienza del

lavoratore alle mansioni affidate dal suo preposto; in particolare,

sottolinea la Corte, va analizzata la posizione del dipendente “con

riferimento alla sua qualifica professionale, alla natura delle

incombenze specifiche affidategli ed ai correlati obblighi “.



DISTRIBUZIONE DELL’ONERE PROBATORIO. Nella responsabilità

contrattuale del lavoratore a causa di danni arrecati al bene

affidatogli per lo svolgimento della prestazione, è onere del

datore provare il danno ed il rapporto di causalità con la

materiale (anche omissiva) condotta del lavoratore ma, nello stesso

tempo, conclude la Cassazione, è onere del lavoratore provare

di aver adottato la diligenza normativamente richiesta. e, più

in generale, la propria assenza di colpa. Nella fattispecie de qua,

il prestatore di lavoro non ha provato ex art. 2697, comma 2, c.c.,

la negazione dell'inadempimento e quindi, secondo la Cassazione, deve

essere ritenuto responsabile del danno provocato al bene affidatogli

dal datore di lavoro ai fini della prestazione oggetto del rapporto

di lavoro.



Dott.

Valter Marchetti, Patrocinatore Legale, Foro di Savona



Documento integrale

LaPrevidenza.it, 18/07/2008

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter