La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 28/04/2017 12:11:18
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Circolari Inps RSS Circolari Inps
Contestazioni disciplinari RSS Contestazioni disciplinari
Contributi RSS Contributi
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Equa riparazione RSS Equa riparazione
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Fisco e Tributi RSS Fisco e Tributi
Fondo di solidarietÓ RSS Fondo di solidarietÓ
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Il Punto RSS Il Punto
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
ResponsabilitÓ Professionale RSS ResponsabilitÓ Professionale
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
Sezione Lavoro RSS Sezione Lavoro
FOCUS
Sulla conoscenza. I fattori epistemici
Semplificazione in materia di documento unico di regolarita' contributiva DURC. Modifica del decreto 30 gennaio 2015
Criteri per la determinazione del credito d'imposta previsto dalla legge 23 dicembre 2014, n. 190 a favore degli enti di previdenza obbligatoria e delle forme di previdenza complementare
Riconosciuta la qualifica di dirigente al lavoratore che svolge mansioni di tale responsabilitÓ pur non essendo contrattualmente inquadrato in tale ruolo
La quantificazione economica del TFS/TFR del personale della Croce Rossa Italiano transitato nella P.A. resta a carico dell'Ente di provenienza
Nuovo reddito di attivazione: la nuova prestazione di sostegno al reddito introdotta dalla Provincia Autonoma di Trento
Illegittimo e discriminatorio il icenziamento comminato alla lavoratrice madre che, al rientro dalla maternitÓ si rifiuta di trasferirsi a 150 km. dalla sede lavorativa precedente
Bonus giovani: pubblicato in gazzetta il regolamento per l'utilizzo della carta elettronica
Esodo lavoratori: schema della fijussione e contribuzione correlata
Ulteriori chiarimenti in tema di regolarizzazione delle dichiarazioni con errori o presentate in ritardo. Ravvedimento operoso
Spese mediche per assistenza specifica. I chiarimenti di Agenzia Entrate in merito alla deducibilitÓ
Il licenziamento non Ŕ snaturato dall'attribuzione di una somma quale all'incentivo all'esodo per fine fase lavorativa
Le generiche indicazioni non esauriscono il dovere del datore di lavoro circa l'obbligo di informare il lavoratore sul rischio specifico
Avvocati: condizioni e massimali minimi delle polizze assicurative per responsabilitÓ civile e infortuni derivanti dall'esercizio della professione
Pubblicato il decreto in tema di mandato di arresto europeo e facoltÓ di avvalersi del difensore civico
Sul nuovo T.U. in materia di societÓ a partecipazione pubblica
Articoli 3 e seguenti del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 128, (c.d. Decreto Certezza del Diritto). Chiarimenti su quesiti e dubbi applicativi inerenti il regime di adempimento collaborativo
Licenziamento per giusta causa in presenza di abuso sull'utilizzo del permessi di cui alla legge 104/92
Spese mediche e di assistenza per i portatori di handicap. I chiarimenti dell'Agenzia Entrate
Esclusa la responsabilitÓ professionale se il decesso Ŕ avvenuto per concause preponderanti e diverse rispetto all'accertata imprudenza del medico
La banca Ŕ sempre obbligata all'adeguamento della postazione bancomat che deve essere fruibile anche a soggetti con disabilitÓ
Lecito impiegare investigatori per smascherare la finta malattia del dipendente
Soggetti affetti da mesotelioma non professionale. Estensione dei benefici del fondo. La circolare Inail e i moduli di domanda
Il rischio insito
Le prestazioni del fondo di solidarietÓ per il sostegno del reddito ai lavoratori della aziende di trasporto pubblico
Cumulo pensioni con reddito da lavoro autonomo: la dichiarazione reddituale
Illegittimo l'utilizzo di apparecchiature di controllo a distanza dei lavoratori in assenza di uno specifico accordo con le rappresentanze sindacali
Legge 104. Permessi riconosciuti anche ai conviventi more uxorio
La mancata adozione di norme di sicurezza che determinano l'insorgere una M.P. non determinano la completa responsabilitÓ pecuniaria del datore di lavoro che versa solo il danno differenziale
Beni ai soci: disciplina dell'assegnazione e della cessione nella trasformazione societaria
IndennitÓ di trasferta e premio di produzione si considerano per la determinazione della retribuzione di riferimento al fine di individuare l'importo della indennitÓ di mobilitÓ
Home Agenzia Entrate Circolari Inps Contributi Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Fisco e Tributi Giurisprudenza Handicap Lavoro Lavoro Autonomo Risarcimento del danno Sezione Lavoro

Leggi e Normative

Contribuzione datoriale alla previdenza integrativa e incidenza sul T.f.r.
(Prof.  Mario Meucci)

Con due sentenze emesse nel corso di quest’anno – rispettivamente Cass. 12/1/2011, n. 545 e Cass. 30/9/2011, n. 20105 – la sezione lavoro della Cassazione ha, per così dire, “fatto pace” con l’orientamento difforme della Corte costituzionale che, tramite le sentenze n. 421 del 1995, nn. 178 e 393 del 2000, aveva affermato (a differenza della Cassazione sostenitrice della natura di “retribuzione differita con funzione previdenziale” delle contribuzioni datoriali ai fondi di previdenza) il carattere di “contribuzione previdenziale” dei versamenti datoriali ai fondi di previdenza integrativa, nel quadro legislativo posteriore al d.lgs. n. 123/1993, istitutivo della previdenza complementare.

Con la sentenza n. 421 del 1995, la Consulta – modificando il proprio precedente orientamento di cui alla sentenza n. 427 del 1990, antecedente all’istituzione della previdenza complementare con d.lgs. n. 123/1993 – affermò che «le contribuzioni degli imprenditori al finanziamento dei fondi non possono più definirsi “emolumenti retributivi con funzione previdenziale” ma sono strutturalmente contributi di natura previdenziale». Tramite poi la sentenza n. 393 del 2000 - una volta asserita l’esistenza di «un collegamento funzionale tra previdenza obbligatoria e previdenza complementare», idonea a collocare «quest’ultima nel sistema dell’art. 38, secondo comma, Cost.» - la Corte costituzionale è giunta ad attribuire alla contribuzione dei datori di lavoro alle forme di previdenza complementare natura di vera e propria contribuzione previdenziale. Con la conseguenza – implicita o induttiva, più che esplicita – che alle prestazioni pensionistiche complementari si dovesse riconoscere strutturalmente analoga natura previdenziale (e non già, od anche, retributiva). Natura previdenziale discendente anche (se non addirittura, soprattutto) dalla riscontrata funzionalizzazione legislativa della previdenza complementare alla soddisfazione dei bisogni della previdenza pubblica.

La giurisprudenza della Corte di Cassazione (anche a sezioni unite) ha, invece, insistito nell’affermare - in stridente contrasto con il giudice delle leggi - che le prestazioni pensionistiche integrative o complementari sono, anch'esse come il TFR, «retribuzione differita con funzione previdenziale».

Nella sentenza a sezioni unite n. 974/1997, la Cassazione ha, infatti, asserito che «i trattamenti pensionistici integrativi, erogati a seguito della costituzione di fondi speciali previsti dalla contrattazione collettiva, privi di autonoma soggettività, hanno natura di debiti di lavoro, anche se sono esigibili dopo la cessazione del rapporto di lavoro, essendo in nesso di corrispettività con la prestazione lavorativa a causa dell'interdipendenza con la durata del servizio e la misura della retribuzione ricevuta». Aggiungendo che, pur possedendo natura retributiva, «in relazione alla loro funzione previdenziale (che spiega la sottrazione alla contribuzione previdenziale dei relativi accantonamenti, disposta - in via di interpretazione autentica dell'art. 12 della legge 30 aprile 1969, n. 153 - dall'art. 9 bis del d.l. 29 marzo 1991 n. 103, aggiunto dalla legge di conversione 1 giugno 1991, n. 166), sono ascrivibili alla categoria delle erogazioni solo in senso lato in relazione di corrispettività con la prestazione lavorativa». Cosicché «l’esclusione delle contribuzioni – destinate ai fondi istituiti per la erogazione di prestazioni previdenziali integrative – dalla base imponibile dei contributi obbligatori di cui all’art. 12, l. n.153/1969 non può che accentuare la “funzione previdenziale” di tali prestazioni, pur lasciando inalterato l’elemento strutturale della retribuzione come prestazione alla quale il datore di lavoro è tenuto in forza del rapporto di lavoro e non alla stregua di un distinto rapporto previdenziale o assistenziale».

L'affermato principio di diritto è stato ripreso....

Prof. Mario Meucci

Gruppo di studio - Materiale riservato 

Documento integrale

LaPrevidenza.it, 07/11/2011

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedý, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter