lunedž, 19 agosto 2019

Affido condiviso: legittimo procedere anche se uno dei genitori si trova all'estero

Cassazione civile, Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526

 

**** - cittadina rumena, - premesso che dalla relazione con il convivente **** il 14 marzo 2003 era nata una figlia e che nel novembre 2007 ella si era allontanata da casa con la figlia stessa a casa dei comportamenti vessatori e violenti del M. – chiedeva al Tribunale per i Minorenni di Brescia l’affidamento esclusivo della figlia con l’obbligo del padre di corrispondere un assegno non inferiore ad euro 750,00 per il concorso nel mantenimento della minore. Nelle more del giudizio la **** si trasferiva in Romania con la figlia

Il M. adiva il Tribunale di Bucarest per ottenere un provvedimento che ordinasse il rientro immediato della figlia minore in Italia, ai sensi della Convenzione dell’Aja del 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale dei minori.

Il Tribunale di Bucarest respingeva la domanda e successivamente il Tribunale per i Minorenni di Brescia affidava in via esclusiva la minore al padre con riconoscimento del diritto di visita alla madre. La Corte di appello di Bucarest, accogliendo il reclamo del M., disponeva il ritorno della minore in Italia nell’abitazione del padre e successivamente la Corte di appello di Brescia, accogliendo il reclamo della V. disponeva l’affidamento esclusivo della figlia minore alla madre....

Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 19/12/2010