sabato, 24 ottobre 2020

L'Italia deve rimborsare i danni derivanti dalle mancate visite quindicinali al figlio

Corte europea dei diritti dell'Uomo - Sentenza 2 novembre 2010 - Ricorso n. 36168/09 - Dr.ssa Mariagabriella Corbi

 

L’inosservanza delle ordinanze, emanate dai Tribunali,  inerenti il diritto di visita ai figli in favore del genitore non affidatario, creano ancora problemi all’Italia.  Infatti, con sentenza n. 36168/09 del 2 nov. 2010,  la Corte europea dei diritti dell'Uomo ha riconosciuto equo il risarcimento  di  euro 15.000,00– da parte del Governo italiano – del danno morale subito da un genitore  per le infinite difficoltà incontrate nell’esercizio di un suo diritto: visite quindicinali al figlio. L’uomo,  sin dal divorzio,  aveva riscontrato notevoli difficoltà ad incontrare ogni 2 settimane il proprio figlio collocato presso la madre affidataria. Egli ripetutamente è ricorso al Tribunale dei Minori di Venezia (dal 19 giugno 2002 al 1° aprile 2009- ultima sentenza del Tribunale dei minori di Venezia) che aveva individuato nei Servizi Sociali di Noventa Padovana la soluzione del problema sia per la fragilità emotiva del bambino e , in presenza di difficili rapporti tra gli ex,  sia per consentire l’incontro padre-figlio. Fallito il tentativo dei Servizi Sociali l’uomo, dopo aver richiesto ancora l’intervento del Tribunale dei minori, si è  rivolto alla Corte di Strasburgo ottenendo ragione su quanto omologato dal Tribunale di Napoli nel 1993 per l’esercizio del diritto di visita al figlio. I Giudici della Suprema Corte Europea- richiamandosi all’art. 8 della Convenzione - hanno individuato:  carenze da parte delle Autorità italiane all’adozione di misure atte a consentire l’esercizio del diritto di visita del padre al figlio; riconfermato tale diritto con cadenza quindicinale; intimato allo Stato Italiano il risarcimento per  danni  morali euro 15.000,00 e spese legali procedurali euro 5.000,00, da versarsi entro 3 mesi dal deposito della sentenza.

Mariagabriella Corbi
 

Documento integrale

Invia per email

LaPrevidenza.it, 29/05/2011

GIOVANNA LONGHI
mini sito

Via San Felice N. 6, 40124, Bologna (BO)

Telefono:

051220171

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro, diritto previdenziale, diritto civile

VERONICA ALVISI
mini sito

Piazza Gramsci N. 4, 40026, Imola (BO)

Cellulare:

3495660326

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto civile e diritto del lavoro/previdenza