martedì, 27 ottobre 2020

Sospensione dell'attività imprenditoriale. Art. 14 D.lgs 81/2008

D.ssa Silvana Toriello

 

Con la nota n 18802 dell’8. 11.2010 il Ministero del Lavoro-Direzione Generale Attività Ispettive è intervenuto in merito alla decisione n.310/2010 con cui la  Corte Costituzionale ha stabilito che  è illegittima la previsione   contenuta nel testo dell’art.14 comma 1 del D.Lgs. n.81/08,che esclude l’obbligo   della motivazione previsto dall’art.3 della legge n.241/90    in caso di provvedimento di sospensione dell’attività  aziendale per lavoro irregolare. Nella nota si precisa che in  materia di lavoro irregolare    il personale ispettivo ha l’obbligo di motivare, sia pure sinteticamente, l’eventuale adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale – fermi restando i contenuti più esaustivi del verbale conclusivo di accertamento – al fine di consentire un controllo di correttezza, coerenza e logicità dello stesso. Pertanto, il personale ispettivo inserirà i nominativi dei destinatari della sospensione direttamente nel provvedimento di sospensione, senza alcun rinvio al verbale di primo accesso ispettivo. Il capoverso ,da inserire è il seguente: “poiché i lavoratori sopra indicati sono stati trovati intenti al lavoro dai sottoscritti verbalizzanti in totale assenza di qualsiasi documento che ne attesti con certezza la regolare occupazione ,risultando gli stessi impegnati nelle attività lavorative indicate nella tabella di cui sopra ,sussistono le ragioni di fatto e di diritto che comportano l’adozione del presente provvedimento di sospensione ai sensi dell’ art.14 del D.Lgs. n.81/08.Trattasi dunque di lavoro concretamente svolto senza alcuna preventiva registrazione in documentazione obbligatoria -così come personalmente accertato dagli scriventi verbalizzanti ,anche ai sensie per gli effetti dell’art.2700 c.c.,con ilverbale di primo accesso ispettivo  redatto contestualmente al presente provvedimento e notificato congiuntamente allo stesso-da parte di un numero di lavoratori pari a——- sul  totale  dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro pari a——– e quindi con una percentuale di lavoratori non risultanti  da  documentazione obbligatoria pari al ——- %.
La decisione della Corte è maturata nel giudizio di costituzionalità promosso dal TAR Liguria (ordinanza n.204 del 13 maggio 2009), il quale censurava l’adozione di un provvedimento di sospensione “in totale assenza di motivazione, benché questa fosse necessaria avuto riguardo al carattere discrezionale del provvedimento ed alla volontà manifestata dalle parti in ordine all’inesistenza del vincolo di subordinazione” del personale considerato “in nero”. Il TAR evidenziava infatti che “l’obbligo di motivare i provvedimenti amministrativi (...) costituirebbe un principio generale, attuativo sia dei canoni d’imparzialità e di buon andamento della pubblica amministrazione, ai sensi dell’art. 97 Cost., sia di altri interessi costituzionalmente protetti, come il diritto di difesa contro gli atti della stessa pubblica amministrazione, ai sensi degli artt. 24 e 113 Cost. Di più, il suddetto obbligo sarebbe principio del patrimonio costituzionale comune dei Paesi europei, desumibile dall’art. 253 del Trattato sull’Unione europea (oggi art. 296, comma 2, del Trattato di Lisbona sul funzionamento dell’Unione europea, ratificato dall’Italia con legge 2 agosto 2008, n. 130, ed entrato in vigore il 1° dicembre 2009), che lo estende addirittura agli atti normativi”. Sulla base di tali censure la Corte costituzionale si pronuncia dunque per l’illegittimità della norma nella parte in cui esclude l’applicazione dell’art. 3, comma 1, della L n. 241/1990 evidenziando come “l’obbligo di motivare i provvedimenti amministrativi è diretto a realizzare la conoscibilità, e quindi la trasparenza, dell’azione amministrativa “ ed “è radicato negli artt. 97 e 113 Cost., in quanto, da un lato, costituisce corollario dei principi di buon andamento e (l’imparzialità dell’amministrazione e -, dall’altro, consente al destinatario del provvedimento, che ritenga lesa una propria situazione giuridica, di far valere la relativa tutela giurisdizionale”. La C. evidenzia infatti che la norma vanifica “l’esigenza di conoscibilità dell’azione amministrativa, anch’essa intrinseca ai principi di buon andamento e d’imparzialità, esigenza che si realizza proprio attraverso la motivazione, in quanto strumento volto ad esternare le ragioni e il procedimento logico seguiti dall’autorità amministrativa. Il tutto in presenza di provvedimenti non soltanto a carattere discrezionale, ma anche dotati di indubbia lesività per le situazioni giuridiche del soggetto che ne è destinatario”.Secondo la Corte, inoltre, “la giusta e doverosa finalità di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori, nonché di contrastare il fenomeno del lavoro sommerso e irregolare, non è in alcun modo compromessa dall’esigenza che l’amministrazione procedente dia conto, con apposita
motivazione, dei presupposti di fatto e delle ragioni giuridiche che ne hanno determinato la decisione, con riferimento alle risultanze dell’istruttoria”.

Dr.ssa Silvana Toriello

Documento integrale

Allegato: MINISTERO_LAVORO_Nota08nov2010_n18802.pdf
Invia per email

LaPrevidenza.it, 30/11/2010

DAVIDE BOZZOLI
mini sito

Via Larga Castello N. 4 , 40061, Minerbio (BO)

Telefono:

0513511350

Cellulare:

3470530120

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

diritto civile

GIANNANTONIO BARBIERI
mini sito

Via De' Griffoni 15, 40123, Bologna (BO)

Telefono:

051220914

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto sanitario, Responsabilità medica e sanitaria. Diritto previdenziale