La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 02/09/2015 06:18:59
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Contributi RSS Contributi
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Fisco e Tributi RSS Fisco e Tributi
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Mobbing RSS Mobbing
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
FOCUS
Autotutela elemento centrale nel rapporto fisco-contribuenti
Cassa Forense: pubblicato il nuovo regolamento
Esame avvocato 2015 - Dal mese di ottobre inizia il Corso di preparazione online
Danno biologico: aggiornamento degli importi per ogni punto e giornata di inabilità in caso di sinistri stradali
Condannato l'avvocato che lascia deliberatamente trascorrere i termini per ottenere il risarcimento del danno in favore del suo cliente
Malattia professionale: l'attribuzione di un indennizzo in danno biologico per eventi precedenti l'entrata in vigore del decreto 38/2000 fa decadere il diritto
Risarcimento del danno da ripetute trasfusioni di sangue e plasma. Responsabilità della struttura sanitaria e cumulabilità del danno con l'indennizzo ai sensi della legge 210/92
La transazione con l'assicurazione ed i limiti al risarcimento del danno
Sindrome da fatica cronica nel dipendente ospedaliero, risarcimento del danno e cambio della mansione lavorativa
Dirigente medico di pronto soccorso: reintegra nel posto di lavoro senza risarcimento del danno a causa di malattia non afferente al presunto demansionamento
Contratto di somministrazione e richiesta di risarcimento del danno
La nuova frontiera del risarcimento derivante dal danno morale: il suicidio del congiunto
In caso di accertato demansionamento professionale, la liquidazione del danno alla professionalità del lavoratore non può prescindere dalla prova del danno e del relativo nesso causale
Istituto bancario. Il demansionamento da presposto con dipendenti sottoposti a tenutaria del registro statistico delle rapine legittima il danno alla professionalità ma non il mobbing
Il danno differenziale va calcolato globalmente o per poste complessive ai fini di assicurare un risultato di giustizia per tutte le parti in causa. Tale metodo è l'unico a poggiare su basi normative di rango costituzionale
Danno biologico per lesioni lievi. Aggiornamento degli importi per il 2014
Illegittimo l'aumento del premio causato da scambio di informazioni sensibili tra imprese assicuratrici. Ne deriva la condanna al risarcimento del danno in via equitativa e la soccombenza per le spese
Aumento in via straordinaria delle indennità dovute dall'I nail a titolo di recupero del valore dell'indennità risarcitoria del danno biologico a decorrere dal 2014
Risarcimento del danno al dipendente pubblico che per anni ha lavorato di domenica senza riposo compensativo
Agenzia Entrate non ha diritto al risarcimento del danno all'immagine
La perdita del bene vita è danno ex se risarcibile ed il relativo diritto è trasmissibile iure hereditatis
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Contributi Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Fisco e Tributi Giurisprudenza Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Mobbing Pubblico Impiego Risarcimento del danno

Lavoro

Messi comunali: il Comune non è competente a determinare i compensi
(Consiglio di stato, sez. IV, sentenza 19 febbraio 2007, n. 850 - Gesuele Bellini)

Il Comune non è competente a determinare i compensi spettanti ai messi comunali per le notifiche, in quanto tale materia è riservata al legislatore statale e, comunque, la potestà di autoregolamentazione dell’attività di messo notificatore non può estendersi fino a condizionare la stessa possibilità di utilizzo del servizio in questione da parte delle amministrazioni statali.

Questi sono i termini in cui si è pronunciato il Consiglio di Stato, Sez. IV, sentenza 19 febbraio 2007 n. 850.

I giudici di palazzo Spada, nell’esame della fattispecie alla propria attenzione, confermando un recente loro indirizzo (Cons. St., sez.IV, 14 febbraio 2006, n.604) hanno ritenuto che “ il convincimento della spettanza al Comune della competenza a determinare i compensi dei messi comunali non può fondarsi sul rilievo dell’avvenuta delegificazione della materia, ad opera dell’art.4 della legge 12 luglio 1991, n.151 che, avendo abrogato il precedente regime delle tariffe del predetto servizio, aveva automaticamente riservato ai Comuni, secondo la ricostruzione della fattispecie operata in prima istanza, la potestà di disciplinare, in via regolamentare, tale aspetto dell’attività di notificazione”.

Per il Collegio, “l’avvenuta abrogazione dell’art.4 della legge 10 maggio 1976, n.249 (per effetto dell’art.4, comma 2, l. n.151/91) non implica l’immediata e conseguente devoluzione ai Comuni della competenza alla determinazione dei compensi dovuti ai messi comunali”

Le motivazioni della predetta conclusione sono da trarre, per il Consiglio di Stato, dal fatto che “l’abrogazione di una norma di rango primario, ancorché produttiva di una lacuna nell’ordinamento (da colmarsi con gli ordinari strumenti ermeneutici), non comporta l’automatico effetto dell’assegnazione della competenza alla regolamentazione della fattispecie originariamente disciplinata dalla disposizione abrogata, ad una fonte normativa secondaria o, addirittura, amministrativa se non in presenza di una esplicita clausola di delegificazione.

Inoltre, “la legge 24 febbraio 1971, n.114 (che contiene la determinazione originaria delle tariffe) qualifica espressamente i compensi contestualmente stabiliti come spettanti ai messi comunali, e non ai Comuni, con la conseguenza che la fonte del potere in questione non può essere in alcun modo rinvenuta nella titolarità, da parte dell’ente locale, del servizio in questione e, dunque, del diritto alla sua remunerazione, viceversa intestato direttamente e personalmente ai messi comunali" (Cons. St., sez.IV, n.604/06 cit.)”.

Gesuele Bellini

Documento integrale

LaPrevidenza.it, 07/03/2007

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter