venerdž, 23 ottobre 2020

Quando la polizza assicurativa copre l'infortunio in itinere ma non lo definisce, le parti devono fare riferimento alla normativa Inail

Cassazione civile, sezione VI, sentenza 25.2.2020 n. 5119

 

In ambito di un procedimento tendente ad ottenere il risarcimento del danno occorso ad un assicurato, qualora la copertura assicurativa privata riconosca il caso di infortunio in itinere ma non lo definisca, le parti devono fare esclusivo riferimento alle norme in materia assicurazione contro gli infortuni sul lavoro ovvero il D.p.r. 1124/65 e il Decreto legislativo 23.2.2000 n. 38.

Nel caso specifico, la dinamica dell'evento ha determinato il mancato riconoscimento del caso sulla scorta del principio seocndo il quale "non sussiste rischio in itinere quando il tragitto seguito dal lavoratore non sia necessitato, ma costituisca una deviazione indipendente dal lavoro.

(Giovanni Dami)


***

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FRASCA Raffaele -  Presidente - Dott. SCRIMA Antonietta - Consigliere - Dott. ROSSETTI Marco - rel. Consigliere - Dott. DELL'UTRI Marco - Consigliere - Dott. TATANGELO Augusto -  Consigliere - 

ha pronunciato la seguente: ORDINANZA 

sul ricorso 29772-2017 proposto da: T.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE GIULIO CESARE 14 A/4, presso lo studio dell'avvocato GABRIELE PAFUNDI, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato ANTONINO RIZZO; - ricorrente 

- contro xxxx, in persona dei Procuratori pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MONTE ZEBIO 28, presso lo studio dell'avvocato GIUSEPPE CILIBERTI, che la rappresenta e difende; - controricorrente - 

avverso la sentenza n. 721/2017 della CORTE D'APPELLO di BRESCIA, depositata il 18/05/2017; udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 25/09/2019 dal 

Consigliere Relatore Dott. ROSSETTI MARCO.

FATTI DI CAUSA

1. T.G. nel 2011 convenne dinanzi al Tribunale di Cremona la società INA Assitalia s.p.a. (che in seguito muterà ragione sociale in "Generali Italia s.p.a.; d'ora innanzi, sempre e comunque, "la Generali"), esponendo che:

-) nel 2008 rivestiva la carica di Presidente della Provincia di Cremona;

-) la Provincia di Cremona aveva stipulato un'assicurazione per conto di chi rivestisse quella carica, a copertura degli infortuni subiti a causa e nell'esercizio delle funzioni;

-) il 7.2.2008 patì un infortunio, allorchè venne investito da un motociclo;

-) al momento dell'infortunio stava esercitando le proprie funzioni, in quanto stava ritornando da due colloqui con soggetti privati, preordinati all'adozione di provvedimenti amministrativi (la realizzazione di una pista ciclabile; la sovvenzione di un laboratorio genetico).

Chiese pertanto la condanna dell'assicuratore al pagamento dell'indennizzo contrattualmente dovuto. 

2. La Generali si costituì negando, per quanto in questa sede ancora rileva, che la vittima al momento dell'infortunio stesse esercitando le proprie funzioni amministrative. Dedusse che in quel momento la vittima stesse svolgendo attività ginnica, come si desumeva dall'ora (le 8:00 del mattino), e dal fatto che l'infortunato indossasse una tuta ginnica.

3. Con sentenza 20.3.2014 n. 156 il Tribunale accolse la domanda. La sentenza venne appellata dalla Generali.

La Corte d'appello di Brescia, con sentenza 18.5.2017 n. 721, accolse il gravame dell'assicuratore e rigettò la domanda attorca.

Ritenne la Corte d'appello che al momento dell'investimento l'assicurato stesse praticando jogging, e che se anche quel mattino avesse svolto attività istituzionale, l'itinerario e l'ora di percorrenza di esso erano stati scelti "per avere l'opportunità di fare jogging e non per esigenze connesse all'attività lavorativa".

4. Tale sentenza è stata impugnata per cassazione da T.G. con ricorso fondato su un motivo ed illustrato da memoria.

Ha resistito la Generali con controricorso.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il motivo unico di ricorso.

1.1. Con l'unico motivo di ricorso T.G. lamenta, ai sensi dell'art. 360 c.p.c., n. 3, la violazione del D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124, art. 2, sotto il profilo del vizio di sussunzione.

Sostiene una tesi così riassumibile:

-) la Corte d'appello, per pervenire ad escludere il diritto all'indennizzo da parte dell'assicurato, ha escluso che questi avesse patito un infortunio in itinere;

-) per giungere a tale conclusione, a sua volta, la Corte d'appello ha applicato i principi elaborati dalla giurisprudenza in tema di infortunio in itinere del lavoratore subordinato, mentre nel caso di specie l'assicurato era un pubblico amministratore;

-) non poteva, perciò, trovare applicazione nel caso di specie il principio secondo cui le scelte arbitrarie del lavoratore circa il tragitto da seguire da casa al lavoro o viceversa escludono l'indennizzabilità dell'infortunio in itinere.

Questa limitazione, deduce il ricorrente, nella polizza non c'era, e di conseguenza doveva essere indennizzato ogni infortunio avvenuto "in occasione di lavoro". E poichè nella specie era pacifico che l'assicurato al momento dell'investimento stesse rientrando da colloqui svolti per ragioni di ufficio, erano irrilevanti le scelte compiute dall'assicurato circa il tragitto da compiere.

1.2. Il motivo è inammissibile, per varie ed indipendenti ragioni.

1.3. In primo luogo è inammissibile per violazione dell'onere di indicazione ed allegazione di cui all'art. 366 c.p.c., n. 6. 11 ricorso, infatti, lamenta in sostanza una erronea applicazione, da parte della Corte d'appello, dei patti contrattuali contenuti nella polizza assicurativa.

E', quindi, un ricorso che, per usare le parole della legge, "si fonda" sul contratto della cui erronea applicazione il ricorrente si duole.

Quando il ricorso si fonda su documenti, il ricorrente ha l'onere di "indicarli in modo specifico" nel ricorso, a pena di inammissibilità (art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6).

"Indicarli in modo specifico" vuol dire, secondo la costante giurisprudenza di questa Corte:

(a) trascriverne il contenuto, oppure riassumerlo in modo esaustivo;

(b) indicare in quale fase processuale siano stati prodotti;

(c) indicare a quale fascicolo siano allegati, e con quale indicizzazione (in tal senso, ex multis, Sez. 6 - 3, Sentenza n. 19048 del 28/09/2016; Sez. 5, Sentenza n. 14784 del 15/07/2015; Sez. U, Sentenza n. 16887 del 05/07/2013; Sez. L, Sentenza n. 2966 del 07/02/2011).

Di questi tre oneri, il ricorrente ha assolto solo i primi due. Il ricorso, infatti, non indica con quale atto ed in quale fase processuale (atto di citazione, memorie ex art. 183 c.p.c., ordine di esibizione, ecc.) sia stata prodotta la polizza, nè dove sia allegata e con quale indicizzazione in questo giudizio di legittimità.

1.4. In secondo luogo, ad abundantiam, il ricorso è comunque inammissibile perchè investe un apprezzamento di fatto.

La Corte d'appello, infatti, per rigettare la domanda ha così argomentato (p. 6 della sentenza):

-) il contratto copre gli infortuni in itinere, ma non li definisce;

-) si deve dunque ritenere che con tale espressione le parti abbiano inteso fare riferimento al concetto di "infortunio in itinere" come previsto e disciplinato dal testo unico sull'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro, e quindi al D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124, art. 2, come modificato dal D.Lgs. n. 38 del 2000, art. 12;

-) alla stregua di tali norme non sussiste rischio in itinere quando il tragitto seguito dal lavoratore non sia necessitato, ma costituisca una "deviazione del tutto indipendente dal lavoro".

Il fondamento della decisione dunque è che "il contratto di assicurazione rinvia alla disciplina dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro".

1.5. Il ricorrente, di contro, oppone che la suddetta disciplina di cui al D.P.R. n. 1124 del 1965 non era pertinente nel caso di specie, e sostiene che la polizza non facesse affatto rinvio al D.P.R. n. 1124 del 1965. La censura pertanto, al di là della sua intitolazione formale, nella sostanza assume che la Corte abbia male interpretato il contratto.

Ma una censura siffatta cozza contro vani principii, ripetutamente affermati da questa Corte: ovvero che l'interpretazione del contratto adottata dal giudice di merito è sindacabile in sede di legittimità soltanto si assumano violate le regole legali di ermeneutica di cui agli artt. 1362 c.c. e ss.; che tale violazione non può dirsi sussistente sol perchè il testo contrattuale consentiva in teoria altre e diverse interpretazioni, rispetto a quella fatta propria dalla sentenza impugnata; che l'interpretazione del contratto prescelta dal giudice di merito può condurre alla cassazione della sentenza impugnata quando sia grammaticalmente, sistematicamente o logicamente scorretta, ma non quando costituisca una non implausibile interpretazione, preferita tra altre non implausibili interpretazioni (ex multis, in tal senso, Sez. 3 -, Sentenza n. 28319 del 28/11/2017, Rv. 646649 - 01; Sez. 1 -, Ordinanza n. 27136 del 15/11/2017; Sez. 1, Sentenza n. 6125 del 17/03/2014; Sez. 3, Sentenza n. 16254 del 25/09/2012; Sez. 3, Sentenza n. 24539 del 20/11/2009, Rv. 610944 - 01; Sez. 1, Sentenza n. 10131 del 02/05/2006, Rv. 589465 - 01).

Nel caso di specie, però, il ricorrente non lamenta affatto la violazione di uno o più tra i canoni legali di ermeneutica, ma contrappone la propria interpretazione del contratto a quella adottata dalla Corte d'appello, che di per sè era comunque non implausibile: di qui l'inammissibilità del motivo di ricorso.

2. Le spese.

2.1. Le spese del presente giudizio di legittimità vanno a poste a carico del ricorrente, ai sensi dell'art. 385 c.p.c., comma 1, e sono liquidate nel dispositivo.

2.2. Il rigetto del ricorso costituisce il presupposto, del quale si dà atto con la presente sentenza, per il pagamento a carico della parte ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l'impugnazione, ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater (nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17).

P.Q.M.

-) dichiara inammissibile il ricorso;

-) condanna T.G. alla rifusione in favore di Generali Italia s.p.a. delle spese del presente giudizio di legittimità, che si liquidano nella somma di Euro 5.800, di cui 200 per spese vive, oltre I.V.A., cassa forense e spese forfettarieD.M. 10 marzo 2014, n. 55 ex art. 2, comma 2;

-) dà atto che sussistono i presupposti previsti dalD.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, per il versamento da parte di T.G. di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l'impugnazione.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione civile della Corte di cassazione, il 25 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 25 febbraio 2020

(Giovanni Dami)

Invia per email

LaPrevidenza.it, 05/05/2020

VIVIANA RITA CELLAMARE
mini sito

Via Crispi 6, 70123, Bari (BA)

Cellulare:

3295452846

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Collaborando con alcuni Patronati di Bari, particolare attenzione e cura è dedicata agli invalidi civili e a...

ANGELA LACARBONARA
mini sito

Via Rizzoli N.7, 40125, Bologna (BO)

Cellulare:

3490089280

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro, Diritto previdenziale