La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 17/10/2017 07:51:13
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Ape Sociale RSS Ape Sociale
Assistenza RSS Assistenza
Contestazioni disciplinari RSS Contestazioni disciplinari
Contributi RSS Contributi
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Dimissioni RSS Dimissioni
Divorzio RSS Divorzio
Equa riparazione RSS Equa riparazione
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Fisco e Tributi RSS Fisco e Tributi
Fondo di solidarietà RSS Fondo di solidarietà
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Infortunistica RSS Infortunistica
Lavoratori precoci RSS Lavoratori precoci
Lavoro RSS Lavoro
Malattia RSS Malattia
Maternita' RSS Maternita'
Migranti e immigrazione RSS Migranti e immigrazione
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
Responsabilità Professionale RSS Responsabilità Professionale
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
Scuola RSS Scuola
Unioni Civili RSS Unioni Civili
FOCUS
In gazzetta la legge di modifica del codice penale, del codice di procedura penale e dell'ordinamento penitenziario
Sulla conoscenza. I fattori epistemici
Semplificazione in materia di documento unico di regolarita' contributiva DURC. Modifica del decreto 30 gennaio 2015
La quantificazione economica del TFS/TFR del personale della Croce Rossa Italiano transitato nella P.A. resta a carico dell'Ente di provenienza
Riconosciuta la qualifica di dirigente al lavoratore che svolge mansioni di tale responsabilità pur non essendo contrattualmente inquadrato in tale ruolo
Nuovo reddito di attivazione: la nuova prestazione di sostegno al reddito introdotta dalla Provincia Autonoma di Trento
Criteri per la determinazione del credito d'imposta previsto dalla legge 23 dicembre 2014, n. 190 a favore degli enti di previdenza obbligatoria e delle forme di previdenza complementare
Bonus giovani: pubblicato in gazzetta il regolamento per l'utilizzo della carta elettronica
Il licenziamento non è snaturato dall'attribuzione di una somma quale all'incentivo all'esodo per fine fase lavorativa
Ulteriori chiarimenti in tema di regolarizzazione delle dichiarazioni con errori o presentate in ritardo. Ravvedimento operoso
Esodo lavoratori: schema della fijussione e contribuzione correlata
Le generiche indicazioni non esauriscono il dovere del datore di lavoro circa l'obbligo di informare il lavoratore sul rischio specifico
Avvocati: condizioni e massimali minimi delle polizze assicurative per responsabilità civile e infortuni derivanti dall'esercizio della professione
Pubblicato il decreto in tema di mandato di arresto europeo e facoltà di avvalersi del difensore civico
Articoli 3 e seguenti del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 128, (c.d. Decreto Certezza del Diritto). Chiarimenti su quesiti e dubbi applicativi inerenti il regime di adempimento collaborativo
Sul nuovo T.U. in materia di società a partecipazione pubblica
Spese mediche e di assistenza per i portatori di handicap. I chiarimenti dell'Agenzia Entrate
Esclusa la responsabilità professionale se il decesso è avvenuto per concause preponderanti e diverse rispetto all'accertata imprudenza del medico
Lecito impiegare investigatori per smascherare la finta malattia del dipendente
Le prestazioni del fondo di solidarietà per il sostegno del reddito ai lavoratori della aziende di trasporto pubblico
Soggetti affetti da mesotelioma non professionale. Estensione dei benefici del fondo. La circolare Inail e i moduli di domanda
Beni ai soci: disciplina dell'assegnazione e della cessione nella trasformazione societaria
La mancata adozione di norme di sicurezza che determinano l'insorgere una M.P. non determinano la completa responsabilità pecuniaria del datore di lavoro che versa solo il danno differenziale
Home Agenzia Entrate Assistenza Contributi Danno Biologico Dimissioni Divorzio Famiglia e minori Fisco e Tributi Giurisprudenza Handicap Infortunistica Lavoro Malattia Maternita' Pubblico Impiego Risarcimento del danno Scuola

INVALIDI CIVILI

Lo svolgimento di attività lavorativa, quale che sia la misura del reddito ricavato, preclude il diritto all'assegno di invalidità
(Corte di Cassazione sez. VI Civile – L Ordinanza 24 ottobre 213 – 14 febbraio 2014 n. 3517 Avvocato Sabrina Cestari)

La Corte
d’Appello aveva rigettato la domanda proposta all’Inps da un invalido volta ad ottenere l’assegno di invalidità civile, ritenendo che il
beneficio non potesse spettare, nonostante il percepimento di redditi inferiori
alla soglia di legge prescritta, in quanto il ricorrente prestava attività
lavorativa.

L’invalido ricorreva in Cassazione.

La Suprema Corte in
primis
riportava la norma di riferimento, ovvero l'art.
1 comma 35 della legge 247/2007, in vigore dal primo gennaio 2008, che recita:

L'art. 13 della legge 118/71 è sostituito dal seguente Art. 13
(Assegno mensile).
1. Agli invalidi civili di età compresa fra il diciottesimo e il
sessantaquattresimo anno nei cui confronti sia accertata una riduzione della
capacità lavorativa, nella misura pari o superiore al
74 per cento, che non svolgono attività lavorativa e per il tempo in cui tale
condizione sussiste, è concesso, a carico dello Stato ed erogato dall'INPS, un
assegno mensile di euro 242,84 per tredici mensilità, con le stesse condizioni
e modalità previste per l'assegnazione della pensione di cui all’art. 12”.

Secondo la Cassazione la norma, sia nella formulazione del
vecchio art. 13 della legge n. 118 del 1971 che nel
nuovo testo introdotto dall'art. 1 comma 35 della legge n. 247 del 2007,deve
essere intesa nel senso che lo svolgimento di attività lavorativa preclude il
diritto all’assegno di invalidità, quale che sia la misura del reddito ricavato
dall’invalido attraverso l’attività prestata.

Conseguentemente il ricorso veniva rigettato.

Avvocato Sabrina Cestari

***

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE  

SEZIONE SESTA CIVILE  SOTTOSEZIONE 1

Ordinanza 24 ottobre 213 – 14 febbraio 2014 n. 3517

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. LA TERZA Maura - rel. Presidente - Dott. CURZIO Pietro - Consigliere - Dott. FILABOZZI Antonio - Consigliere - Dott. FERNANDES Giulio - Consigliere - Dott. GARRI Fabrizia - Consigliere - ha pronunciato la seguente:  ordinanza sul ricorso 10163/2011 proposto da:  C.F., elettivamente domiciliato in ROMA, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall'avv. STAMILLA GIUSEPPE, giusta procura a margine del ricorso (comparsa di costituzione di nuovo difensore);  - ricorrente -  contro INPS - ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (OMISSIS) in persona del Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l'AVVOCATURA CENTRALE DELL'ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati MAURO RICCI e PULLI CLEMENTINA, giusta procura in calce al ricorso notificato;  - resistente - avverso la sentenza n. 343/2010 della CORTE D'APPELLO di CALTANISSETTA del 23.6.2010, depositata il 20/07/2010; udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 24/10/2013 dal Presidente Relatore Dott. MAURA LA TERZA; udito per il resistente l'Avvocato Emanuela Capannolo (per delega avv. Mauro Ricci) che si riporta agli scritti; E' presente il Procuratore Generale in persona del Dott. GIULIO ROMANO che si riporta alla relazione scritta.

 Fatto FATTO E DIRITTO

Con la sentenza impugnata la Corte d'appello di Caltanissetta rigettava la domanda proposta da C.F. nei confronti dell'Inps per ottenere l'assegno di invalidità civile di cui alla L. n. 118 del 1971, art. 13, (domanda amministrativa dell'8.11.2007), ritenendo che, nonostante il percepimento di redditi inferiori alla soglia di legge prescritta per detta prestazione assistenziale, la medesima non poteva spettare perchè il C. svolgeva attività lavorativa.

Avverso detta sentenza il C. ricorre.

L'Inps ha depositato procura.

Letta la relazione resa ex art. 380 bis c.p.c., di manifesta infondatezza del ricorso;

Ritenuto che i rilievi di cui alla relazione sono condivisibili; Recita la L. n. 247 del 2007, art. 1, comma 35, in vigore dal primo gennaio 2008, che "La L. n. 118 del 1971, art. 13, è sostituito dal seguente Art. 13 (Assegno mensile).

1. Agli invalidi civili di età compresa fra il diciottesimo e il sessantaquattresimo anno nei cui confronti sia accertata una riduzione della capacità lavorativa, nella misura pari o superiore al 74 per cento, che non svolgono attività lavorativa e per il tempo in cui tale condizione sussiste, è concesso, a carico dello Stato ed erogato dall'INPS, un assegno mensile di Euro 242,84 per tredici mensilità, con le stesse condizioni e modalità previste per l'assegnazione della pensione di cui all'art. 12".

Quindi sia secondo il vecchio testo dell'art. 13, sia secondo il nuovo lo svolgimento di attività lavorativa preclude il diritto al beneficio, quale che sia la misura del reddito ricavato. E' ovviamente irrilevante, al cospetto della norma di legge, il contenuto del messaggio dell'Inps.

Il ricorso va quindi rigettato.

Nulla per le spese in assenza di controricorso.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 24 ottobre 2013.

Depositato in Cancelleria il 14 febbraio 2014

LaPrevidenza.it, 10/03/2014

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter