domenica, 22 maggio 2022

Quando la cirrosi epatica è mero aggravamento della preesistente epatite la sua insorgenza non sposta il termine di prescrizione

Cassazione civile sez. VI n. 3984 del 18 febbraio 2013 - Avv. Sabrina Cestari

 

Gli eredi di una dipendente della C R I, che aveva svolto le mansioni di perito di ematologia ed immunologia e che, a causa delle stesse, aveva contratto l’epatite B, successivamente evolutasi in cirrosi epatica, si erano visti respingere, sia in primo che in secondo grado, la domanda di risarcimento del danno in relazione a quest’ultima patologia.
Gli eredi ricorrevano in Cassazione.
Secondo i ricorrenti la prescrizione del diritto al risarcimento del danno decorreva dall’insorgenza della cirrosi, mentre la Corte d’Appello, al contrario, aveva individuato il dies a quo della prescrizione nel momento della manifestazione esteriore del danno originario, ovvero dell’epatite B, considerando conseguentemente la cirrosi solo mero aggravamento della patologia preesistente e non lesione nuova ed autonoma, aggravamento, quindi, prevedibile e, come tale, inidoneo allo spostamento del termine di prescrizione. La Cassazione, nella sentenza qui commentata, ha ritenuto la questione manifestamente infondata per essere la decisione della Corte d’Appello conforme ai principi più volte ribaditi dalla stessa Suprema Corte, anche a Sezioni unite (sentenza n. 580/2008), secondo cui "in materia di diritto al risarcimento del danno da illecito extracontrattuale, qualora si tratti di un illecito che, dopo un primo evento lesivo, determina ulteriori conseguenze pregiudizievoli, il termine di prescrizione dell'azione risarcitoria per il danno inerente a tali ulteriori conseguenze decorre dal verificarsi delle medesime solo se queste ultime non costituiscono un mero sviluppo ed un aggravamento del danno già insorto, bensì la manifestazione di una lesione nuova ed autonoma rispetto a quella manifestatasi con l'esaurimento dell'azione del responsabile".
Il suddetto principio, nonchè la notorietà della derivazione causale della cirrosi dall'epatite B e la prevedibilità dell'aggravamento, secondo la Suprema Corte, rendono immune da censure la decisione della Corte d’Appello, conseguentemente il ricorso è stato respinto.

Avvocato Sabrina Cestari

Documento integrale

(Sabrina Cestari)

Invia per email

LaPrevidenza.it, 08/03/2013

MARIA GINEVRA PAOLUCCI
mini sito

Via Santo Stefano 43, 40125, Bologna (BO)

Telefono:

051237192

Cellulare:

3356312148

Professione:

Docente Universitario

Aree di attività:

diritto commerciale, diritto societario, crisi di impresa, procedure concorsuali, diritto dell'arbitrato

ANGELA LACARBONARA
mini sito

Via Rizzoli N.7, 40125, Bologna (BO)

Cellulare:

3490089280

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro, Diritto previdenziale