La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 21/12/2014 07:10:10
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Avvocato Mario Rossi RSS Avvocato Mario Rossi
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
FOCUS
Notariato: reato di falso in atto pubblico al professionista con procura di un cliente in stato vegetativo.
Reato di peculato per il pubblico dipendente che falsifica mandati di pagamento
Regolamento recante norme di attuazione del sistema pubblico di prevenzione, sul piano amministrativo, delle frodi nel settore del credito al consumo, con specifico riferimento al furto d'identità
Le mansioni dirigenziali svolte dal dipendente pubblico non si riconoscono ai fini del Tfr
Risarcimento del danno al dipendente pubblico che per anni ha lavorato di domenica senza riposo compensativo
Armonizzazione dei requisiti di accesso a pensione per vigili del fuoco, soccorso pubblico e personale iscritto presso l'INPS, l'ex-ENPALS e l'ex-INPDAP
Imposta di bollo. Copia di un atto pubblico rilasciata dall'Archivio Notarile al fine dell'allegazione alla domanda di voltura catastale ai sensi dell'art. 4 del DPR 650 del 1972
Abolizione del finanziamento pubblico diretto, disposizioni per la trasparenza e la democraticita' dei partiti e disciplina della contribuzione volontaria e della contribuzione indiretta in loro favore
Pubblico impiego: inapplicabile il rito introdotto dalla legge Fornero specie nei casi di incompatibilità
Società partecipate a capitale pubblico: via libera alla trasformazione dei contratti in tempo determinato
La tutela del dipendente pubblico che segnala gli illeciti. L'istituto del whistleblowing nell'art.54 bis del testo unico del pubblico impiego
Le nuove imposizioni di oneri di servizio pubblico sulle rotte per Isola d'Elba
Pubblico impiego: prepensionamenti in caso di soprannumero
Pubblico Impiego: la riforma Fornero favorisce il prolungamento del servizio oltre i 65 anni
Pubblico impiego, collocamento a riposo d'ufficio ed innalzamento età pensionabile
Il dipendente che rifiuta di svolgere mansioni superiori non può essere licenziato. Il principio vale anche per i lavoratori del pubblico impiego
Diritto degli enti di ricerca - Il conto ore individuale nei contratti del pubblico impiego e negli enti di ricerca
L'evoluzione del rapporto di lavoro nel pubblico impiego tra potere di organizzazione della Pubblica Amministrazione e contrattazione collettiva
Rito Fornero e licenziamenti nel pubblico impiego contrattualizzato
Impugnazione sanzioni disciplinari nel pubblico impiego
Pubblico impiego: via libera ai permessi retribuiti per il dottorato
Adeguamento dal 2013 agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l'accesso a pensione del personale appartenente al comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico
Le posizioni organizzative nel comparto Sanità. Analisi dell'istituto dopo le recenti riforme del pubblico impiego
Pubblico Impiego, Vigili del Fuoco, lavoro straordinario e ingiunzione di pagamento
2013: nuovi indici speranza di vita per il pensionamento del personale appartenente al comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico
Pubblico Impiego privatizzato: le sezioni unite fanno il punto sul sistema di riparto di giurisdizione
Spending review e divieto di monetizzazione delle ferie del pubblico dipendente art. 5 c.8 legge 135/2012. Profili di compatibilità con l'articolo 36 della Costituzione
Pubblico dipendente: maternità a stipendio pieno anche se il bambino ha superato i tre anni di vita
L'affissione del codice disciplinare non salva dal licenziamento il pubblico dipendente assenteista
Pubblico impiego: demansionamento del dirigente di Polizia Municipale e risarcimento del danno
L'intesa per il rilancio del pubblico impiego. I nuovi interventi correttivi della riforma Brunetta
Forze armate e pubblico impiego. Indennità di buonuscita solo per il servizio permanente
La Gestione della mobilità collettiva nel pubblico impiego dopo la legge n.183 del 12 novembre 2011
Pubblico impiego: il pubblico dipendente che timbra il cartellino in luogo diverso da cui lavora non commette truffa
Concorso pubblico: in tema di decorrenza del limite di età definito dal bando
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Pensioni Pubblico Impiego

Diritto Sanitario

Danni da sangue infetto: la Cassazione ribadisce che la data di presentazione della domanda di indennizzo rappresenta la barriera preclusiva finale per l'azione di risarcimento
(Cassazione civile  sez. VI, 8 maggio 2013  n. 10926 - Avvocato Sabrina Cestari)

Gli eredi di un dipendente ospedaliero, deceduto per infermità contratta durante il lavoro a causa di contatto con sangue infetto, convenivano in giudizio il Ministero della Salute per il risarcimento dei danni patiti dal loro dante causa.

La domanda veniva respinta per prescrizione del diritto.

Gli eredi ricorrevano in Cassazione contestando, tra l’altro, l’individuazione del cd. exordium praescriptionis che, secondo loro, non doveva essere identificato, come era avvenuto nella sentenza impugnata, nella data di presentazione della domanda di riconoscimento della dipendenza dell'infermità da causa di servizio, bensì nella data della comunicazione da parte della competente CMO del nesso causale tra il lavoro svolto e la malattia.

I ricorrenti, inoltre, qualificavano la responsabilità ministeriale come contrattuale, configurando così un termine prescrizionale decennale.

La Cassazione, nella sentenza qui commentata, in primis evidenzia che gli eredi hanno agito solo per i danni iure hereditatis e non anche per i danni iure proprio e che gli stessi, inoltre, non hanno fatto valere il diritto facente capo al loro dante causa nei confronti del datore di lavoro, conseguentemente la fattispecie, benchè relativa a danni patiti da lavoratore dipendente a contatto con sangue ed emoderivati non idoneamente controllati, è stata ricondotta alla tematica dei danni da emotrasfusione o contatto con sangue o emoderivati.Orbene, la responsabilità del Ministero della salute per i danni conseguenti ad infezioni da virus HBV, HIV e HCV contratte da soggetti emotrasfusi è di natura extracontrattuale, nè sono ipotizzabili, secondo la Cassazione, figure di reato tali da innalzare i termini di prescrizione, pertanto, il diritto al risarcimento del danno da parte di chi assume di aver contratto tali patologie per fatto doloso o colposo di un terzo è soggetto al termine di prescrizione quinquennale, che decorre dal giorno in cui la malattia viene percepita o può essere percepita, quale danno ingiusto conseguente al comportamento del terzo, usando l'ordinaria diligenza e tenendo conto della diffusione delle conoscenze scientifiche.La Cassazione ha, quindi, ribadito che il termine di presentazione della domanda di indennizzo è quello ultimo per il danneggiato, in quanto la personalizzazione degli accertamenti di fatto sulla consapevolezza dello stesso non può mai spostare ulteriormente in avanti l'exordium praescriptionis, ma solo rilevare in peius per il danneggiato, ove sia positivamente provato che egli abbia avuto una chiara consapevolezza del danno, del nesso causale con l'emotrasfusione e della colpa della controparte anche in tempo anteriore.

 Nel caso di specie il termine coincide, pertanto, non con la comunicazione del responso da parte della CMO, bensì con la proposizione della domanda amministrativa di indennizzo da parte del danneggiato. Secondo la Suprema Corte la data di presentazione della domanda di indennizzo rappresenta, infatti, la barriera preclusiva finale oltre la quale la consapevolezza del danneggiato deve presumersi corrispondente all'id quod plerumque accidit e con quel grado non già di certezza assoluta, ma di rilevante e plausibile completezza sufficiente per intraprendere un'azione per danni.

Il ricorso è stato conseguentemente rigettato.

Per quanto concerne le spese del giudizio di legittimità la Suprema Corte ha fatto nuovamente applicazione del principio in base al quale la procedura transattiva prevista dalla leggi n. 222/2007 e n. 244/2007 per il componimento dei giudizi risarcitori per effetto di trasfusioni con sangue infetto, pur lasciando libera la P.A. di valutare se pervenire alla transazione, denota un sostanziale trend legislativo di definizione stragiudiziale del contenzioso, confermato anche dal D.M. 4 maggio 2012, e questo integra giusto motivo di compensazione delle spese processuali.

 Avvocato Sabrina Cestari

Documento integrale

LaPrevidenza.it, 29/05/2013

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter