sabato, 16 ottobre 2021

Illegittima la confisca per equivalente se il contribuente paga il tributo che gli viene contestato

Cassazione Penale, sentenza 8.11.2013 n. 45189

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE  
SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FIALE Aldo - Presidente - Dott. AMORESANO Silvio - Consigliere - Dott. MARINI Luigi - Consigliere - Dott. GAZZARA Santi - rel. Consigliere - Dott. GRAZIOSI Chiara - Consigliere - ha pronunciato la seguente:  sentenza sul ricorso proposto da: PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D'APPELLO DI GENOVA; nei confronti di:  B.G. N. IL (OMISSIS); avverso la sentenza n. 2048/2012 TRIBUNALE di GENOVA, del 18/02/2013; sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. SANTI GAZZARA; lette le conclusioni del PG Dott. Tindari Baglione, il quale ha chiesto l'annullamento con rinvio.

Fatto

Il Tribunale di Genova, con sentenza del 18/2/2013, ha applicato, su richiesta delle parti, a carico di B.G., imputato del reato di cui all'art. 81 c.p. e D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 5, la pena di anni 1 e giorni 14 di reclusione, concedendo il beneficio ex art. 163 c.p., con ordine di dissequestro di quanto sottoposto a vincolo e restituzione all'avente diritto.

Propone ricorso per cassazione il Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Genova, eccependo l'omessa applicazione della confisca dei beni sottoposti a sequestro, in violazione della L. n. 244 del 2007, art. 1, comma 143.

Il Procuratore Generale presso questa Corte ha inoltrato in atti requisitoria scritta nella quale conclude per l'accoglimento del ricorso con conseguente annullamento con rinvio della impugnata pronuncia.

Diritto CONSIDERATO IN DIRITTO

Il ricorso è infondato e va rigettato.

Osservasi che la confisca per equivalente esplica una funzione sostanzialmente punitiva, come chiarito dalla giurisprudenza di legittimità, definendo detta misura ablatoria, introdotta dall'art. 322 ter c.p. e L. n. 244 del 2007, art. 1, comma 143, come una forma di prelievo pubblico a compensazione di prelievi illeciti, che, in quanto tale, viene ad assumere un carattere preminentemente sanzionatorio (Cass. 16/1/04, n. 15445; Cass. S.U. 25/10/05, n. 41936).

Così delineata la natura e le finalità dell'istituto in questione, passando allo specifico della questione dibattuta, se cioè l'intervenuta sanatoria della posizione tributaria possa determinare il venir meno dei presupposti della confisca e, quindi, consentire la revoca del sequestro preventivo, disposto in funzione della futura esecuzione di tale misura, si deve rilevare che col versamento dell'imposta evasa viene meno la funzione sanzionatoria della confisca.

Tale finalità si realizza attraverso l'eliminazione dell'ingiustificato arricchimento, derivante dalla commissione del reato, impedendo che, attraverso l'impiego dei beni di provenienza delittuosa o del loro equivalente, il colpevole possa assicurarsi quel vantaggio economico che era oggetto specifico del disegno criminoso (Cass. 1/12/2010, n. 10120).

In tal caso, qualora sia accertata la responsabilità del prevenuto, alle pene previste per i reati finanziari, di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, si aggiunge, quale sanzione accessoria, la confisca dei beni di valore equivalente a quello costituente il profitto del reato. Ma se il reo provvede al pagamento dell'imposta, considerato che il profitto suscettibile di confisca corrisponde all'ammontare dell'imposta evasa, vengono meno qualsiasi indebito vantaggio da aggredire col provvedimento ablatorio e la stessa ragione giustificatrice della confisca, da rinvenirsi proprio nella necessità di evitare che il conseguimento dell'indebito profitto del reato si consolidi in capo al reo.

Contrariamente a quanto sostenuto in ricorso, non deve farsi discendere dalla natura di pena accessoria di tale forma di confisca la conclusione che essa debba, sempre e comunque, trovare applicazione, anche quando l'imputato abbia provveduto a sanare il proprio debito nei confronti dell'Erario. La natura prevalentemente sanzionatoria, riconosciuta alla confisca per equivalente, non deve portare ad un indiscriminato automatismo nella sua applicazione senza tenere conto che con l'adempimento, sia pure tardivo, dell'obbligazione tributaria, viene meno quel profitto del reato che la misura ablatoria è destinata ad aggredire.

Diversamente opinando, si assisterebbe ad un ingiustificato ricorso alla misura sanzionatoria in quanto il reo, oltre ad avere adempiuto al suo debito verso l'amministrazione finanziaria, si vedrebbe privato, all'esito dell'accertamento della responsabilità penale, anche di beni equivalenti per valore al profitto del reato, ormai dismesso con il versamento dell'imposta evasa (Cass. 17/3/09, n. 26176; Cass. 23/11/10, n. 45504; Cass. 3/12/12, n. 46726).

P.Q.M.

La Corte Suprema di Cassazione rigetta il ricorso del P.G..

Così deciso in Roma, il 9 ottobre 2013.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2013
Invia per email

LaPrevidenza.it, 05/06/2014

VALTER MARCHETTI
mini sito

Viale Matteotti 89, 18100, Imperia (IM)

Telefono:

3498844331

Cellulare:

3498844331

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Penale e Civile. Responsabilitā medico-sanitaria. Infortunistica stradale, navale, ferroviaria ed aerea. Responsabi...

GIOVANNA LONGHI
mini sito

Via San Felice N. 6, 40124, Bologna (BO)

Telefono:

051220171

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto del lavoro, diritto previdenziale, diritto civile