giovedì, 04 marzo 2021

Legittimo il doppio compenso per le attività di commissario giudiziale e quella di liquidatore

Cassazione, Sez. prima civile, Sentenza 7.3.2016 n. 4458

 

Archivio selezionato: Sentenze Cassazione civile Autorità: Cassazione civile sez. I Data: 07/03/2016 n. 4458

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE PRIMA CIVILE 

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. CECCHERINI Aldo - Presidente - Dott. RAGONESI Vittorio - rel. Consigliere - Dott. DIDONE Antonio - Consigliere - Dott. FERRO Massimo - Consigliere - Dott. DI MARZIO Fabrizio - Consigliere -
ha pronunciato la seguente:  sentenza 

sul ricorso 21195/2010 proposto da:  F.U.M. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DONATELLO 23, presso l'avvocato VILLA PIERGIORGIO, rappresentato e difeso dall'avvocato BERTOLA MASSIMO, giusta procura in calce al ricorso;  - ricorrente -  contro PROCEDURA DI CONCORDATO PREVENTIVO DELLA SOCIETA' INDUSTRIA CASEARIA CENTRO SUD S.P.A.;  - intimata - avverso il provvedimento del TRIBUNALE di CAMERINO, depositato il 01/07/2010; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/12/2015 dal Consigliere Dott. VITTORIO RAGONESI; udito, per il ricorrente, l'Avvocato P. VILLA, con delega orale, che si riporta; udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SOLDI Anna Maria che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

Fatto

Con ricorso depositato in data 18.10.1996 la Industria Casearia Centro Sud S.p.a. chiedeva l'ammissione alla procedura di concordato preventivo con cessione dei beni, alla quale veniva ammessa con decreto del Tribunale di Camerino del 29.10.1996, con cui veniva dichiarata aperta la procedura e nominato commissario giudiziale l'odierno ricorrente.

Con sentenza del 31.10-12.11.1997 il Tribunale di Camerino omologava la proposta approvata dai creditori e successivamente, su istanza del 3.12.2004 depositata dell'odierno ricorrente quale commissario giudiziale liquidava al predetto il relativo compenso come da decreto del 22.1.2005.

Il ricorrente veniva quindi nominato liquidatore giudiziale, come da contenuto della citata sentenza di omologa, rinunciando peraltro al compenso ulteriore per l'attività di commissario giudiziale, D.M. n. 570 del 1992, ex art. 5, comma 2, concentrandosi nella sua persona le due, pur distinte e separate, funzioni.

Esaurite le operazioni di liquidazione dei beni, su istanza del liquidatore giudiziario del 27.10.2009 veniva approvato senza rilievo alcuno il conto della gestione in data 22.1.2010 con un attivo realizzato di Euro 2.119.039,07 corrispondente, al netto di oneri e spese ad una percentuale satisfatoria in favore dei creditori chirografari pari ad oltre il 54%. Con istanza del 6.5.2010, il ricorrente chiedeva quindi la liquidazione del proprio compenso, per la specifica ed autonoma funzione svolta di liquidatore giudiziale, esponendo in modo articolato vicende e contenuti della predetta attività, nonchè chiarendo anche i fondamenti giuridici della richiesta.

All'istanza seguiva il provvedimento che, liquidava un "ulteriore compenso" di Euro 2.000,00 quale supplemento di liquidazione rispetto a quella già effettuata in favore del Commissario Giudiziale.

Avverso il detto provvedimento ricorre per cassazione il F. sulla base di un unico articolato motivo.

La procedura non si è costituita in giudizio.

All'udienza del 18.2.15 è stata disposta l'integrazione del contraddittorio nei confronti della Società casearia Centro sud spa che è stata regolarmente effettuata. L'intimata non si è costituita.

Diritto

Con l'unico articolato motivo di ricorso il ricorrente lamenta che posto che avendo egli svolto dopo l'attività di Commissario giudiziale per la quale il compenso era già stato a suo tempo liquidato, la successiva attività di liquidatore, per quest'ultima spettava ad esso un ulteriore autonomo compenso che nel caso di specie non era stato adeguatamente liquidato, avendo il tribunale riconosciuto unicamente un supplemento di modestissima entità (Euro 2000,00) in aggiunta al compenso già liquidato come commissario giudiziale.

Il motivo appare fondato.

E' incontroverso nel caso di specie che l'odierna ricorrente ebbe a ricoprire il doppio incarico - prima di commissario giudiziale del concordato e quindi di liquidatore della cessio honorum.

A tale proposito questa Corte ha già avuto occasione di affermare che in tema di concordato preventivo con cessione di beni, nel caso in cui il medesimo soggetto ricopra il doppio incarico, prima di commissario giudiziale del concordato e poi di liquidatore, il relativo compenso non può prescindere dal distinto ruolo assunto e dal conseguente espletamento di ulteriore e diversa attività, che merita, quindi, separata ed autonoma remunerazione. (Cass. 27085/11).

La specifica caratterizzazione dell'incarico di liquidatore ne rivela l'ontologica distinzione rispetto all'ufficio del commissario giudiziale, che, laddove la liquidazione sia affidata a diverso soggetto, sul suo espletamento è tenuto a svolgere attività di sorveglianza e controllo. La coincidenza soggettiva, per l'effetto, non incide sulla sfera delle rispettive funzioni, che restano distinte e non assimilabili e per logico corollario meritevoli di istinto compenso. (Cass. 15699/11).

Va peraltro osservato che questa Corte ha recentemente affermato che la nomina a liquidatore della persona già in carica come commissario giudiziale collide con il requisito, di cui al combinato disposto dell'art. 182, comma 2, e art. 28, comma 2, L. Fall. (nel testo, applicabile "ratione temporis" e risultante dalle modifiche apportate dal D.Lgs. 12 settembre 2009, n. 167), che il liquidatore sia immune da conflitto di interessi, anche potenziale, ipotesi, invece, configurabile laddove nella sua persona si cumulino la funzione gestoria con quella di sorveglianza dell'adempimento del concordato, di cui all'art. 185, comma 1, della L. Fall. (Cass. 1237/13).

Tuttavia deve ritenersi che qualora la nomina a liquidatore del commissario giudiziale non sia stata oggetto di contestazione e l'attività sia stata conseguentemente svolta non possa negarsi al liquidatore il compenso per l'attività svolta (vedi in tal senso Cass. 2956/14 che ha fatto anche riferimento alla attività svolta dal liquidatore prima della emanazione della citata sentenza n. 1237/13 come avvenuto nel caso di specie).

L'attività di liquidatore svolta dal ricorrente merita, quindi, separata ed autonoma remunerazione rispetto a quella già effettuata per l'attività di commissario giudiziale.

Tale principio, unitamente a quello della mancata motivazione del provvedimento di liquidazione nel caso concreto, è stato violato nella specie onde s'impone l'annullamento del provvedimento impugnato e il rinvio della causa,anche per la liquidazione delle spese di questa fase, ad altra sezione dello stesso Tribunale perchè, in ossequio al principio enunciato ed a quello della necessaria motivazione dei provvedimenti giurisdizionali, venga riesaminata l'istanza del professionista tesa alla liquidazione ulteriore del compenso richiesto per l'attività di liquidazione.

P.Q.M.

accoglie il ricorso, cassa il provvedimento impugnato e rinvia anche per le spese al Tribunale di Macerata in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 18 dicembre 2015.

Depositato in Cancelleria il 7 marzo 2016
Invia per email

LaPrevidenza.it, 09/03/2016

GIANNANTONIO BARBIERI
mini sito

Via De' Griffoni 15, 40123, Bologna (BO)

Telefono:

051220914

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto sanitario, Responsabilità medica e sanitaria. Diritto previdenziale

VALTER MARCHETTI
mini sito

Viale Matteotti 89, 18100, Imperia (IM)

Telefono:

3498844331

Cellulare:

3498844331

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Penale e Civile. Responsabilità medico-sanitaria. Infortunistica stradale, navale, ferroviaria ed aerea. Res...