La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 26/07/2016 10:21:39
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Contributi RSS Contributi
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Fisco e Tributi RSS Fisco e Tributi
Giurisprudenza RSS Giurisprudenza
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Risarcimento del danno RSS Risarcimento del danno
Sezione Lavoro RSS Sezione Lavoro
FOCUS
Pensioni: prorogato accesso a pensione con Opzione Donna
Personale comparto scuola e AFAM, accesso al trattamento pensionistico ai sensi dell'art. 1, comma 264 della legge n. 208/2015
Pensioni Cassa Ragionieri: ai fini del calcolo non si impone massimale contributivo. Si tenga conto del pro rata
Chiarimenti in materia di salvaguardia pensionistica
Salvaguardia pensionistica: nessun problema se la domanda di concessione della pensione é presentata anche in un momento successivo
Rivalutazione pensioni: 0,2 per cento dal gennaio 2015 e zero per il 2016
Ricalcolo pensioni ex Fondo Elettrico
Pensione ai superstiti: le linee guida dell'Inps
Pensione sociale e indennità di accompagnamento al cittadino extracomunitario: concessione svincolata da titolarità della carta di soggiorno
Pensione di invalidità civile per sordi e indennità di comunicaizone agli stranieri soggiornanti in Italia che non sono titolari di carta di soggiorno
Licenziamenti: termine di sospensione garantito anche se la controparte non è a conoscenza dell'atto
Perequazione delle pensioni: cosa è accaduto dopo il mese di agosto scorso
Mantenimento del sistema di variabilità delle pensioni. Disciplina previgente al Dlgs. 503/92. Effetti sul sistema di calcolo
Rivalutazione pensioni, Tfr, montante contributivo e amianto: pubblicata la legge di conversione
Rivalutazione delle pensioni in applicazione della sentenza della Corte Costituzionale numero 70 del 2015. Le modalità di rimborso
Trattamento di quiescenza del personale del comparto scuola. Cessazioni dal 1° settembre 2015 - trasmissione dei dati necessari alla determinazione ed al pagamento delle pensioni attraverso flusso informatico
Rivalutazione delle pensioni. Le indicazioni Inps relative al pagamento deli arretrati secondo quanto disposto dalla Corte costituzionale
Gestione Dipendenti Pubblici - Procedura pensioni sul nuovo sistema (SIN2) Fase sperimentale; ripristino dei modelli PL1 e 350/P ai fini della liquidazione dei Tfs
Rivalutazione delle pensioni, fondo sociale occupazione, ammortizzatori sociali, contratti solidarietà e Tfr: ecco il decreto pubblicato in gazzetta
Perequazione delle pensioni: la Consulta prende a picconate un pezzo della Monti - Fornero. Riconosciuti gli aumenti agli assegni di importo superiore a tre volte il trattamento minimo
Importo massimo complessivo del trattamento pensionistico nel sistema misto. Riduzione percentuale della pensione anticipata prevista per i soggetti con età inferiore a 62 anni
Accordo di emigrazione tra Italia e Brasile e relativo Protocollo Aggiuntivo - modalità di presentazione della domanda di pagamento delle pensioni brasiliane in Italia
Blocco della perequazione automatica delle pensioni negli anni 2012 e 2013. Imminente il giudizio della Corte costituzionale
Contributo di solidarietà sulle pensioni: la Corte dei conti rimette gli atti alla Consulta
Domande per lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1° marzo 2015 per i lavoratori che maturano i requisiti agevolati per l'accesso al trattamento pensionistico dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015
Pensioni: la variazione online dell'ufficio pagatore
Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica. La sesta salvaguardia per l'accesso a pensione in deroga alla legge Monti
Home Agenzia Entrate Contributi Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Fisco e Tributi Giurisprudenza Handicap Inps - Circolari Lavoro Lavoro Autonomo Risarcimento del danno Sezione Lavoro

Danni in materia civile

La perdita del bene vita è danno ex se risarcibile ed il relativo diritto è trasmissibile iure hereditatis
(Cassazione civile sez. III sentenza 23.1.2014 n. 1361 - Avvocato Sabrina Cestari)

La perdita del bene vita è danno ex se risarcibile ed il relativo diritto è trasmissibile iure hereditatis



Cassazione civile sez. III sentenza n. 1361 del 23/01/2014



Nella recente sentenza n. 1361/2014 la Suprema Corte ha affermato che la perdita della vita, per antonomasia, non ha conseguenze inter vivos per l'individuo che appunto cessa di esistere, ma ciò non può e non deve condurre a negarne in favore del medesimo il ristoro, giacché la perdita della vita, bene supremo dell'uomo e oggetto di primaria tutela da parte dell'ordinamento, non può rimanere priva di conseguenze anche sul piano civilistico. Il ristoro del danno da perdita della vita, chiarisce la Cassazione, costituisce in realtà ontologica ed imprescindibile eccezione al principio della risarcibilità dei soli danni-conseguenza. La morte ha, infatti, per conseguenza la perdita non già solo di qualcosa bensì di tutto. Non si tratta, pertanto, chiarisce la Cassazione, di verificare quali conseguenze derivino dal danno evento, al fine di stabilire quali siano risarcibili e quali no. La Corte ha, peraltro, ribadito che il danno, anche in caso di lesione di valori della persona, non può considerarsi in re ipsa, risultando altrimenti snaturata la funzione del risarcimento, che verrebbe ad essere concesso non in conseguenza dell'effettivo accertamento di un danno, bensì quale pena privata per un comportamento lesivo, ma va provato dal danneggiato secondo la regola generale ex art. 2697 c.c.. A tale stregua, sottolinea la Cassazione, il danno non patrimoniale deve essere sempre allegato e provato, in quanto l'onere della prova non dipende dalla relativa qualificazione in termini di "danno- conseguenza", ma tutti i danni extracontrattuali sono da provarsi da chi ne pretende il risarcimento, e, pertanto, anche il danno non patrimoniale, nei suoi vari aspetti, la prova potendo essere d'altro canto data con ogni mezzo, anche per presunzioni. La Suprema Corte ha chiaramente statuito che la perdita del bene vita, oggetto di un diritto assoluto e inviolabile è ex se risarcibile, nella sua oggettività, a prescindere dalla consapevolezza che il danneggiato/vittima ne abbia. La giurisprudenza di legittimità ha d'altro canto già avuto modo di affermare, sottolinea la Cassazione, che la percezione della gravità della lesione dell'integrità personale della vittima nella fase terminale della sua vita può essere anche "non cosciente", il danno essendo anche in tal caso pur "sempre esistente" (cfr. Cass., 28/8/2007, n. 18163, Cass., 19/10/2007, n. 21976; Cass., 7/2/2012, n. 1716; Cass. 11/6/2009, n. 13530; Cass., 15/3/2007, n. 5987). Il danno non patrimoniale da perdita della vita, specifica la Corte, si differenzia dal danno biologico terminale e dal danno morale terminale (o catastrofale o catastrofico) della vittima, rilevando ex se, nella sua oggettività di perdita del bene vita, oggetto di un diritto assoluto e inviolabile. La perdita della vita va ristorata, pertanto, a prescindere dalla consapevolezza che il danneggiato ne abbia, anche in caso di morte cd. immediata o istantanea, senza che assumano rilievo nè il presupposto della persistenza in vita per un apprezzabile lasso di tempo successivo al danno evento, né il criterio dell'intensità della sofferenza subita dalla vittima per la cosciente e lucida percezione dell'ineluttabile sopraggiungere della propria fine. Il diritto al ristoro del danno da perdita della vita si acquisisce, secondo Cassazione, dalla vittima istantaneamente al momento della lesione mortale, e quindi anteriormente all'exitus, costituendo ontologica, imprescindibile eccezione al principio dell'irrisarcibilità del danno-evento e della risarcibilità dei soli danni-conseguenza, giacché la morte ha per conseguenza la perdita non già solo di qualcosa bensì di tutto. La Suprema Corte afferma, altresì, che il ristoro del danno da perdita della vita ha funzione compensativa, ed il relativo diritto (o ragione di credito) è trasmissibile iure hereditatis quale danno non patrimoniale, essendo il bene protetto (la vita) e non già il diritto al ristoro della relativa lesione.


1 In ordine alla quantificazione del danno da perdita del bene vita in favore della persona che appunto la perde va osservato, sottolinea la Corte, che esso (come del resto il danno biologico terminale e il danno morale terminale della vittima), non è contemplato dalle Tabelle di Milano. Il danno biologico terminale o il danno morale terminale (o catastrofale o catastrofico), sono stati quantificati, osserva la Cassazione, con applicazione del criterio equitativo cd. puro (Cass., 21/3/2013, n. 7126) ovvero, e più frequentemente, movendo dal dato tabellare dettato per il danno biologico, e procedendo alla relativa personalizzazione (Cass., 8/4/2010, n. 8360). Anche allorquando si è in giurisprudenza di merito fatto riferimento alla lesione del bene vita in sé considerato, ai fini liquidatori, evidenzia la Corte, si è del pari solitamente utilizzato il criterio tabellare, riferito ad un soggetto con invalidità al 100% (Trib.Venezia 15/6/2009). Idoneo parametro di liquidazione è stato, altresì, ritenuto l'indennizzo previsto dalla L. n. 497 del 1999 per i parenti delle vittime del disastro del Cermis (v. Trib. Roma, 27/11/2008, in Danno e resp., 2010, 533 ss.). Fatte queste premesse, la Cassazione evidenzia, che l'autonomia del bene vita rispetto al bene salute/integrità psico-fisica impone l'individuazione di un sistema di quantificazione particolare e specifico, diverso da quello dettato per il danno biologico. La valutazione equitativa spetta, anche in questo caso, afferma la Corte, al giudice di merito ed è rimessa alla sua prudente discrezionalità l'individuazione dei criteri di relativa valutazione, per altro, essendo la vita in sé e per sé insuscettibile di valutazione economica in un determinato preciso ammontare, appare imprescindibile che il diritto privato consenta di riconoscersi alla vittima per la perdita del suo bene supremo un ristoro che sia equo, nel significato delineato dalla giurisprudenza di legittimità (Cass. 7/6/2011, n. 12408). Deve ritenersi allora ammissibile, secondo la Suprema Corte, qualsiasi modalità che consenta di addivenire ad una valutazione equa. Non appare a tal fine idonea, a parere della Cassazione, una soluzione di carattere meramente soggettivo, né la determinazione di un ammontare uguale per tutti, a prescindere cioè dalla relativa personalizzazione (in considerazione ad esempio dell'età delle condizioni di salute e delle speranze di vita futura, dell'attività svolta, delle condizioni personali e familiari della vittima). Dal riconoscimento della ristorabilità della perdita del bene vita in sé e per sé considerato, anche in caso di immediatezza o istantaneità della morte, deriva, quale corollario, osserva la Corte, la necessità di procedere alla relativa quantificazione senza dare in ogni caso ingresso a duplicazioni risarcitorie.


 Avvocato Sabrina Cestari

AllegatoLa perdita del bene vita.pdf
Allegatocass_1361_2014.pdf

LaPrevidenza.it, 07/02/2014

CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter