lunedý, 26 ottobre 2020

Assegno di mantenimento: l'importo si determina valutando sia il tenore di vita oltre che la capacità di produzione del reddito

Cassazione, Sez. sesta civile, sottosezione 1, Sentenza 21.11.2014 n. 24830

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SESTA CIVILE  SOTTOSEZIONE 1 

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI PALMA Salvatore - Presidente - Dott. DOGLIOTTI Massimo - Consigliere - Dott. BISOGNI Giacinto - rel. Consigliere - Dott. DE CHIARA Carlo - Consigliere - Dott. ACIERNO Maria - Consigliere - ha pronunciato la seguente:  ordinanza sul ricorso proposto da:  V.F., elettivamente domiciliato in Roma, via Monfalcone 3, presso lo studio dell'avv. FORTUNA FRANCESCO SAVERIO che lo rappresenta e difende per procura speciale a margine del ricorso e dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative al processo al fax nn. 06/84083305 e 06/44292550 e all'indirizzo p.e.c. francescosaveriofortuna.ordineavvocatiroma.org;  - ricorrente - nei confronti di:  M.S.;  - intimata - avverso la sentenza n. 6013/12 della Corte di appello di Roma, emessa l'8 novembre 2012 e depositata il 29 novembre 2012, n. R.G. 6994/2010.

Fatto

Rilevato che in data 31 luglio 2014 è stata depositata relazione ex art. 380 bis c.p.c., che qui si riporta:

1. Il Tribunale di Velletri, con sentenza del 7 aprile 2010, ha dichiarato la separazione dei coniugi V.F. e M. S. con addebito al marito. Ha affidato congiuntamente ai genitori i figli fissando la residenza della figlia Giulia presso la madre e del figlio A. presso il padre. Ha posto a carico di quest'ultimo un assegno di mantenimento di 600 Euro in favore della M. e un assegno di 300 Euro a titolo di contributo al mantenimento della figlia con decorrenza dalla data di deposito della sentenza.

2. Contro la decisione del Tribunale ha proposto appello V. F. chiedendo la revoca dell'addebito della separazione e la pronuncia di addebito a carico della moglie. Ha inoltre chiesto la revoca dell'assegno di mantenimento in favore della moglie e la riduzione del contributo al mantenimento della figlia. Ha proposto appello incidentale la M. per ottenere la anticipazione della decorrenza degli assegni dalla data del ricorso per separazione.

3. La Corte di appello di Roma ha accolto l'appello incidentale e respinto quello principale.

4. Ricorre per cassazione V.F. deducendo: a) omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione fra le parti; violazione e falsa applicazione degli artt. 143 e 151 c.c., in relazione alla pronuncia di addebito; b) omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione fra le parti, in relazione alla mancata pronuncia di addebito a carico della M.; c) omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione fra le parti, in relazione alla conferma della decisione sull'assegno di mantenimento e all'accoglimento dell'appello incidentale.

5. Non svolge difese M.S..

Ritenuto che:

6. Il ricorso appare inammissibile e in ogni caso infondato. Il primo motivo ripropone, nonostante la deduzione di violazione di legge, una critica al merito della decisione riguardante l'addebito e non indica chiaramente quale sia il fatto decisivo non esaminato dalla Corte di appello. Analoghe considerazioni possono farsi quanto al secondo motivo. Per entrambi va in ogni caso rilevato che la valutazione della Corte di appello si è basata sul comportamento violento del ricorrente che ha provocato gravi lesioni personali al coniuge. La vicinanza di tali ultimi accadimenti lesivi con la crisi coniugale che ha portato alla separazione ha indotto la Corte di appello a ritenere l'ascrivibilità ad essi della intollerabilità della prosecuzione della convivenza. Quanto ai comportamenti della M. che la Corte distrettuale non avrebbe valutato si rileva che con riferimento al fatto specifico denunciato dal ricorrente la motivazione della sentenza impugnata mette in rilievo che si è trattato di un episodio successivo all'allontanamento della M. dalla residenza familiare causato dalla pregressa condotta violenta del marito.

7. Il terzo motivo di ricorso non indica chiaramente quale fatto decisivo per il giudizio non sarebbe stato adeguatamente valutato dalla Corte distrettuale, assume una falsa ratio decidendi e postula una erronea interpretazione normativa (e cioè l'avere la Corte di appello erroneamente addebitato la separazione al ricorrente come presupposto per il riconoscimento del diritto al mantenimento). Va inoltre rilevato che la motivazione della Corte di appello si basa su una serie di considerazioni sulle proprietà immobiliari, sulle disponibilità finanziarie, sul profilo professionale e sul tenore di vita del ricorrente dalle quali ha desunto che il reddito dichiarato in giudizio di 2.000 - 3.000 Euro mensili è largamente sottostimato.

Inoltre la Corte di appello ha rilevato la indeterminatezza e la mancanza di prova delle deduzioni del ricorrente sul peggioramento negli anni delle sue condizioni economiche. Il mero riferimento nel terzo motivo del ricorso per cassazione a produzioni documentali attinenti alla dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa all'esenzione dall'obbligo della dichiarazione dei redditi relativamente alla qualità di amministratore unico della società Cesvo Costruzioni, agli estratti conto bancari e ai bilanci della società non può considerarsi idoneo ad attribuire ammissibilità all'impugnazione ex art. 360 c.p.c., n. 5, sia sotto il profilo della specificità e della decisività del fatto asseritamente oggetto di omessa valutazione sia sotto il profilo del requisito di autosufficienza del ricorso.

8. Sussistono pertanto i presupposti per la trattazione della controversia in camera di consiglio e se l'impostazione della presente relazione verrà condivisa dal Collegio per la dichiarazione di inammissibilità o eventualmente per il rigetto del ricorso.

La Corte condivide tale relazione e pertanto ritiene che il ricorso debba essere dichiarato inammissibile senza alcuna statuizione sulle spese del giudizio di cassazione.

Diritto 

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla sulle spese del giudizio di cassazione. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalità e gli altri dati identificativi a norma del D.Lgs. n. 196 del 2003, art. 52. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13 comma 1 quater, da atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dell'art. 13, comma 1 bis, dello stesso art. 13.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 4 novembre 2014.

Depositato in Cancelleria il 21 novembre 2014
Invia per email

LaPrevidenza.it, 16/12/2014

VINCENZO MENNEA
mini sito

Via Pier Delle Vigne N. 7, 76121, Barletta (BA)

Telefono:

0883349269

Cellulare:

3289677187

Professione:

Avvocato

Aree di attività:

Diritto Civile - Diritto Penale - Lo Studio fornisce assistenza e consulenza in materia di gestione dello st...

BRUNO OLIVIERI
mini sito

Via Senna, 39, 65015, Montesilvano (PE)

Telefono:

3282945085

Cellulare:

3282945085

Professione:

Consulente del Lavoro

Aree di attività:

Studio Commerciale Olivieri, specializzato in consulenza e amministrazione del personale, consulenza strategica e m...