La Previdenza - Osservatorio Giuridico Previdenziale e Assistenziale - Banca Dati Giuridica
Area professionisti Supportaci Collabora Registrazione 25/04/2014 02:11:26
Username
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Non sei registrato?
Registrati adesso
Donazioni
ARGOMENTI NEWS
Agenzia Entrate RSS Agenzia Entrate
Cassazione Lavoro RSS Cassazione Lavoro
Danno Biologico RSS Danno Biologico
Diritto Sanitario RSS Diritto Sanitario
Famiglia e minori RSS Famiglia e minori
Handicap RSS Handicap
Inps - Circolari RSS Inps - Circolari
Inps - Messaggi RSS Inps - Messaggi
Lavoro RSS Lavoro
Lavoro Autonomo RSS Lavoro Autonomo
Pensioni RSS Pensioni
Pubblico Impiego RSS Pubblico Impiego
FOCUS
Legittimo il prelievo sulle pensioni di importo superiore a 90.000 euro
Conversione del permesso di lavoro stagionale in permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Le disposizioni in materia con la circolare congiunta dei due dicasteri
Autoliquidazione 2013 e 2014 e riduzioni del premio assicuativo Inail
La separazione coniugale non è causa ostativa all'agevolazione prima casa
Ministero della Salute: in gazzetta il decreto per il riordino
I soldi versati sul conto corrente dell'ex convivente non sono un prestito e perciò non vanno restituiti
Le prestazioni Inps riscosse indebitamente devono essere dilazionate nella misura di un quinto della pensione e con rateazione lunga
Transazioni immobiliari: legittima la sospensione dei pagamenti se manca la certificazione di agibilità
Personale non vedente iscritto alla gestione dipendenti pubblici. Diritto a pensione di vecchiaia e anticipata. Chiarimenti
Nessuna sospensione per il notaio che opera il ravvedimento operoso
La Cassazione conferma che l'assegno di invalidità civile non può essere riconosciuto agli ultrasessantacinquenni stante l'alternativo beneficio della pensione sociale
Incumulabilità del riscatto del congedo parentale fuori dal rapporto di lavoro con il riscatto del periodo di corso legale di laurea
Previdenza forense: anche la contribuzione parziale va considerata ai fini dell'anzianità utile a pensione
Prestazione in favore di lavoratori prossimi alla pensione al fine di incentivarne l'esodo. Presentazione da parte dei datori di lavoro della domanda di accesso alla prestazione
Armonizzazione dei requisiti di accesso a pensione per vigili del fuoco, soccorso pubblico e personale iscritto presso l'INPS, l'ex-ENPALS e l'ex-INPDAP
Diritto alla pensione di inabilità e limiti reddituali: la Cassazione chiarisce l'applicazione dei nuovi requisiti stabiliti dal d.l. n. 76/2013
Valutazione dei periodi oggetto di pratiche di riscatto, ricongiunzione, trasferimento in corso, ai fini della maturazione dei requisiti previsti per la salvaguardia
Prestazione in favore di lavoratori prossimi alla pensione al fine di incentivarne l'esodo. Chiarimenti e indicazioni operative
Invalidi civili: verifiche straordinarie, sospensione d'ufficio per assenza a visita
Riconoscimento maggiorazione pensione di inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa non dipendente da cause di servizio
Salvaguardia ai sensi dell'articolo 11, del D.l. 31.8.2013, n. 102 - c.d. Salvaguardia dei 6.500 - Modalità di gestione delle domande di pensione
Lavoratori prossimi alla pensione e incentivo al pensionamento
Home Agenzia Entrate Cassazione Lavoro Danno Biologico Diritto Sanitario Famiglia e minori Handicap Inps - Circolari Inps - Messaggi Lavoro Lavoro Autonomo Pensioni Pubblico Impiego

INPS

Direzione Centrale Entrate Contributive

Inps, Circolare 11.11.2008 n. 97

Variazione del tasso di differimento, di dilazione e delle somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali e assistenziali

Provvedimento della Banca Centrale Europea:riduzione al 3,25% del tasso di riferimento con decorrenza dal 12 novembre 2008.


La Banca Centrale Europea ha fissato, nella misura del 3,25%, a decorrere dal 12 novembre 2008, il tasso ufficiale di riferimento ( T . U . R. ) da utilizzare per la determinazione del tasso di differimento e di dilazione da applicare ai debiti contributivi dovuti agli enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatoria.

L’interesse di differimento, maggiorato di 6 punti ai sensi dell’art. 3, comma 4, del D.L. n. 318 del 14.6.1996, convertito nella legge n. 402 del 29.7.1996 è quindi pari al 9,25 % a decorrere dalla medesima data del 12 novembre 2008.

La modifica produce effetti anche nei confronti delle somme aggiuntive per ritardato o omesso versamento dei contributi, come di seguito descritto:


1) INTERESSI DI DILAZIONE

L’interesse di dilazione, da applicare alle rateazioni concesse dal 12 novembre 2008, dovrà essere calcolato al tasso del 9,25 % che sarà inserito, a cura della Direzione Centrale delle Entrate Contributive, nelle tabelle centrali.

I piani di ammortamento già emessi e notificati in base al tasso precedentemente in vigore non subiranno modificazioni.


2) INTERESSI DI DIFFERIMENTO

Nei casi di autorizzazione al differimento del termine di versamento dei contributi, la nuova aliquota del 9,25 % sarà applicata a partire dalla contribuzione relativa al mese di novembre 2008.


SANZIONI CIVILI

La nuova misura delle sanzioni civili a decorrere dal 12 novembre 2008 si determina come segue:

- per il ritardato pagamento delle inadempienze contributive spontaneamente denunciate nei termini oppure spontaneamente denunciate entro l’anno e pagate entro i 30 giorni successivi, la sanzione civile è pari al TUR (3, 25%) maggiorato di cinque punti e mezzo, quindi, all’ 8,75% annuo ai sensi della Legge 23 dicembre 2000 n 388 art. 116 c. 8 lettera a) e lettera b- secondo periodo;

- per il mancato pagamento dei contributi accertati dall’Istituto dal 1° ottobre 2000 denunciati dagli interessati oltre un anno dalla scadenza oppure denunciati entro l’anno e non pagati nei 30 giorni, il tasso è pari al 30% annuo ai sensi della citata L . 388/2000 art. 116 c. 8 lettera b)

- per le inadempienze previste al comma 10 del summenzionato art. 116, la sanzione civile è pari al TUR maggiorato di 5,5 punti e quindi al 8,75% annuo;

- per le procedure concorsuali (cfr. punto 5 della circolare n. 88/2002) il riferimento al “ prime - rate”, come è noto, deve intendersi sostituito da quello al tasso ufficiale di riferimento (3,25 %).


A tale riguardo, ad ogni buon fine, si rammenta che l’importo della sanzione ridotta (v. prospetto riportato nella suddetta circolare n. 88) non potrà mai essere inferiore al limite fissato dalla legge che, come è noto, è quello degli interessi legali.


Il Direttore generale


Crecco

Stampa il documento Torna Indietro
CANALI GIURIDICI
Diritto Comunitario
Economia
Leggi & Normative
News giuridiche in inglese
Notizie di cronaca
Diritto Commerciale
Economia
Fondi Pensione
News Giuridiche
SERVIZI E UTILITÀ
Contatti di Redazione
Area collaboratori
Collaborazione
Consulenza online
Banners e news per il tuo sito
News con feed rss
Milano Finanza
Newsletter informativa!
Registrati subito e ricevi, ogni lunedì, il sommario delle news pubblicate nella settimana, direttamente nella tua casella e-mail!

Newsletter