ENPALS

Area Contributi e Prestazioni

Ufficio Normativa e Circolari

Circolare 6.4.2009 n.10



Convenzione tra E.N.P.A.L.S. E Federazione Italiana Pallacanestro per la verifica della regolarità contributiva.

La Convenzione sottoscritta tra l’ENPALS e la Federazione Italiana Pallacanestro (F.I.P.) definisce i criteri e le modalità per procedere alla verifica delle contribuzioni versate dalle società sportive professionistiche affiliate alla FIP al fine della partecipazione ai campionati professionistici e si inserisce nel quadro delle iniziative adottate dall’E.N.P.A.L.S. Per favorire il controllo della regolarità contributiva dei datori di lavoro iscritti all’Ente.

In data 20 marzo 2009, il Presidente dell’E.N.P.A.L.S., Amalia Ghisani, ed il Presidente della F.I.P., Dino Meneghin, hanno sottoscritto una convenzione con la quale sono stati definiti i criteri e le modalità per procedere alla verifica delle contribuzioni versate, da parte delle società di pallacanestro professionistico, per il finanziamento delle prestazioni obbligatorie a favore degli atleti, degli allenatori, dei direttori tecnico-sportivi e dei preparatori atletici.

Sulla base di tale accordo, l’E.N.P.A.L.S. Si impegna ad implementare le attività di controllo della regolarità contributiva delle società di pallacanestro iscritte ai campionati professionistici di Serie A e di Legadue ed a comunicare alla F.I.P. Le eventuali situazioni di irregolarità. Il suddetto accordo, con il quale l’E.N.P.A.L.S. E la F.I.P. Hanno inteso rafforzare le condizioni di tutela previdenziale degli sportivi professionisti del settore, analogamente a quella già stipulata con la Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.) nel 2002, impone il rispetto degli obblighi contributivi da parte di tutte le società di pallacanestro professionistiche.

Detto accordo rientra nel più ampio quadro di collaborazioni e sinergie che l’E.N.P.A.L.S. Sta realizzando con le Organizzazioni di rappresentanza delle imprese, le Federazioni sportive, le altre strutture della Pubblica Amministrazione e le grandi imprese operanti nel settore dello spettacolo e dello sport professionistico al fine di migliorare l’efficacia delle forme di tutela pensionistica dei lavoratori del settore, nonché di favorire la diffusione di comportamenti ispirati al rispetto delle disposizioni di legge in materia di contribuzione previdenziale obbligatoria.

Nel dettaglio, la Convenzione (cfr. allegato) disciplina i rapporti tra l’E.N.P.A.L.S. E la F.I.P. Relativamente alla verifica delle regolarità contributiva delle società sportive professionistiche affiliate alla F.I.P. Al fine della partecipazione ai campionati professionistici della serie A e Legadue. Al riguardo, si ricorda che il rispetto degli obblighi di contribuzione previdenziale costituisce, sulla base dei vigenti regolamenti della F.I.P., condizione necessaria per l’iscrizione delle società ai campionati professionistici.

In particolare in presenza di debiti per contributi previdenziali e oneri accessori, le società sono considerate in regola, qualora, in relazione ai medesimi debiti, ricorra una delle fattispecie di seguito indicate:

“a) ammissione al beneficio della dilazione di pagamento anche in forma rateale da parte dell’E.N.P.A.L.S. e/o di Equitalia Riscossioni S.p.A. In presenza di regolare pagamento delle rate scadute;

b) sussistenza di contenzioso in sede amministrativa ovvero giudiziale non manifestamente infondato;

c) emissione di un provvedimento di sospensione dell’esecutività della cartella esattoriale in relazione a debiti contributivi iscritti a ruolo;

d) sospensione degli obblighi contributivi ovvero rinvio della relativa scadenza a seguito di disposizioni normative.”

L’art. 2 della Convenzione disciplina il procedimento di verifica della regolarità contributiva in particolare stabilisce che la F.I.P. Deve trasmettere ogni anno, entro il 31 marzo, l’elenco delle società professionistiche di pallacanestro al fine di consentire all’E.N.P.A.L.S. Di effettuare “i controlli preordinati alla verifica della regolarità degli obblighi contributivi stabiliti dalla normativa in materia di prestazioni obbligatorie per invalidità, vecchiaia e superstiti.”

Per agevolare lo svolgimento dei controlli, le società, in caso di contestazione da parte dell’E.N.P.A.L.S., “sono tenute a presentare tempestivamente alle Sedi territorialmente competenti dell’E.N.P.A.L.S., copia dei modelli F24/I24 quietanzati, comprovanti l’avvenuto pagamento dei contributi per i mesi oggetto di contestazione. Allo stesso scopo, in caso di debiti iscritti a ruolo, la Società, a seguito di contestazione da parte dell’E.N.P.A.L.S., sono tenute a presentare tempestivamente alle Sedi territorialmente competenti dell’E.N.P.A.L.S., copia dell’eventuale quietanza di pagamento rilasciata ovvero, in relazione ai debiti contributivi iscritti a ruolo per i quali sia in corso la regolarizzazione in forma rateale, copia del provvedimento di ammissione al beneficio della regolarizzazione in forma rateale, rilasciati dalla competente sede di Equitalia Riscossioni S.p.A.”.

L’E.N.P.A.L.S., nel caso in cui riscontri situazioni di irregolarità contributiva, comunica alla FIP e alla Commissione Tecnica di Controllo Società Professionistiche le situazioni di irregolarità contributiva rilevate, “sulla base delle seguenti modalità: a) entro il 15 giugno di ciascun anno in relazione ai contributi previdenziali di competenza fino al mese di aprile ovvero in relazione alle rate scadute fino al predetto mese; b) entro il 15 luglio di ciascun anno le variazioni intervenute rispetto a quanto indicato nella precedente comunicazione del 15 giugno a seguito di operazioni di regolarizzazione;

c) entro il 15 dicembre di ciascun anno in relazione ai contributi previdenziali di competenza fino al mese di ottobre ovvero in relazione alle rate scadute fino al predetto mese;

d) entro il 15 marzo di ciascun anno in relazione ai contributi previdenziali di competenza fino al mese di gennaio ovvero in relazione alle rate scadute fino al predetto mese.” La F.I.P., al fine di consentire la corretta applicazione della convenzione si impegna ad emanare idonea regolamentazione per vincolare le società all’assolvimento degli obblighi contributivi ed informativi nei confronti dell’E.N.P.A.L.S. E per favorire la corretta applicazione della Convenzione.

La Convenzione ha durata triennale a decorrere dal 1 maggio 2009 con scadenza il 30 aprile 2012.

IL DIRETTORE GENERALE

(Massimo Antichi)



www.laprevidenza.it

laprevidenza.it

leggi

sentenze

circolari

pensioni

sanità

tribunale

avvocati